slide12.jpg

Olostru, agrivoddu

Agrifoglio

L'agrifoglio, simbolo dell'inverno e del Natale, è stata considerata una pianta portafortuna ancor prima del Cristianesimo. Si credeva proteggesse

...

Casalinghe disperate... mai♥

Moscato di Sorso e Sennori

Moscato Sorso e Sennori

Il Moscato di Sorso-Sennori è un vino DOC, prodotto esclusivamente dal vitigno Moscato bianco nel territorio che comprende la regione storicamente chiamata Romangia, situato nella Sardegna Nord-Occidentale. La storia viticola della Romangia è strettamente intrecciata con la cultura popolare, di una gente laboriosa, gelosa di un’identità storica, culturale e linguistica orgogliosamente preservata e tramandata fino ad oggi. La coltivazione della vite ha origini antichissime, come suggerisce il nome stesso, di derivazione romanica, “ Romangia”, testimoniato in letteratura e confermato da diversi studi archeologici, fra i quali quelli effettuati in località “Geridu”, in Comune di Sorso, con reperti e ritrovamenti di vinaccioli carbonizzati, roncole per la potatura e per la vendemmia, boccali di ceramiche usati per bere il vino e vasi vinari. Nel corso dei secoli la tradizione viticola si è radicata maggiormente e tramandata con successo; nella zona della “Pedraia”, nel territorio comunale di Sorso, gli archeologi hanno trovato un impianto di vinificazione scavato nella roccia calcarea, che reca incisa su un pilastro la data del 1602.
Insieme al Moscato di Cagliari e al Moscato di Sardegna, il Moscato di Sorso-Sennori Doc rappresenta l'eccellenza del Moscato: liquoroso dolce naturale, ha un colore giallo dorato carico, il cui aroma caratteristico sprigiona sentori intensi dal sapore dolce, pieno e fine.
La DOC Moscato di Sorso-Sennori è riferita a 4 tipologie di vini: il Moscato di Sorso-Sennori bianco dal  colore giallo dorato e dall'odore intenso, caratteristico legato al sapore dolce, fine, vellutato. Il Moscato di Sorso-Sennori passito: dal colore: giallo dorato e dal profumo intenso ed etereo, di frutta matura legato al sapore: dolce, pieno, mielato; Il Moscato di Sorso-Sennori» liquoroso: colore giallo dorato con odore intenso, caratteristico, etereo; arricchito dal sapore dolce, complesso, fine; e infine il Moscato di Sorso-Sennori spumante: dalla spuma fine ed evanescente; riconoscibile dal colore giallo paglierino e dall'odore aromatico e delicato, caratteristico; il sapore è dolce e delicato, fruttato e caratteristico di Moscato. Quindi in tutte le tipologie si riscontrano aromi floreali e fruttati tipici della cultivar di base, e con note, in particolare nelle tipologie “bianco”, “passito” e “liquoroso”, di miele, mandorle e frutta secca.
Il Moscato di Sorso-Sennori Doc va abbinato a tutta la pasticceria dal sapore delicato e a torte di frutta. La versione Liquoroso dolce è ottimo con pasticceria secca a base di mandorle o frutta secca, ma anche ai formaggi piccanti.
Tutti vanno degustati in piccoli calici a tulipano a una temperatura che va dai 10 ai 14°C.

Chef Quinto Bassu, custode della cucina tradizionale

sa cordulaSi dice che in Sardegna ci siano più pecore che abitanti. Non so se questo sia vero ma è certo che i sardi hanno gran rispetto per le pecore, perché sono fonte di reddito e alimento base della gastronomia tradizionale. Infatti grazie alla fantasia e alla praticità dei pastori, le par

...

Pecora, centro del mondo rurale

Manifesti d'Epoca

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo