slide11.jpg

Gallina con il mirto

pollo_mirtoNella tradizione gastronomica sarda il mirto è un piccolo arbusto che regala bacche e foglie perfette per aromatizzare diverse carni come il porchetto arrosto, il pollame arrosto o bollito. L'uso del mirto come aroma per le carni è presente anche nella cucina spagnola, a conferma dell'influenza ispanica nella cultura e  nella gastronomia isolana.

Ecco la ricetta proposta da InsulaGolosaRicette che si adatta perfettamente anche per le carni di quaglia e di anatra.

 

SA PUDDA CUM SA MURTA
Gallina con il mirtomirto

 

Ingredienti
una gallina da un 1 kg circa
carota
sedano
prezzemolo
foglie di mirto
sale


Preparazione
Lavate accuratamente la gallina. Mettete sul fuoco una pentola con abbondante acqua, unite la cipolla, una costa di sedano, la carota e qualche rametto di prezzemolo; salate il necessario. Quando l’acqua alzerà il bollore immergetevi la gallina; incoperchiate il recipiente e lasciate cuocere. Appena la gallina sarà tenera, toglietela dal brodo, lasciatela sgocciolare bene poi, ancora fumante, adagiatela in un piatto fondo rivestito da foglie di mirto; coprite interamente la gallina con altre foglie e con un piatto affinché il profumo del mirto si concentri bene e penetri nella carne. Tenete la gallina così fino al giorno seguente; tagliatela a quarti e servitela fredda.

 

Curiosità: quando si raccolgono le foglie di mirto, asportatele con delicatezza per non danneggiare la pianta, perché è molto preziosa in quanto rara 

Dolci di Carnevale

pollo_mirtoNella tradizione gastronomica sarda il mirto è un piccolo arbusto che regala bacche e foglie perfette per aromatizzare diverse carni come il porchetto arrosto, il pollame arrosto o bollito. L'uso del mirto come aroma per le carni è presente anche nella cucina spagnola, a conferma dell'influenza ispanica nella cultura e  ne

...

Manifesti d'Epoca

Patate e timoIn Sardegna c'è una notte di inizio estate che diventa magica. Le donne escono di casa al tramonto e vanno incontro alla macchia mediterranea alla ricerca delle essenze più profumate, da conservare per tutto l'anno.
Grazia Deledda, in Cenere ci racconta di una di queste donne, Oli.
«Cadeva la notte di San Gi

...

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo