slide6.jpg

Gallina con il mirto

pollo_mirtoNella tradizione gastronomica sarda il mirto è un piccolo arbusto che regala bacche e foglie perfette per aromatizzare diverse carni come il porchetto arrosto, il pollame arrosto o bollito. L'uso del mirto come aroma per le carni è presente anche nella cucina spagnola, a conferma dell'influenza ispanica nella cultura e  nella gastronomia isolana.

Ecco la ricetta proposta da InsulaGolosaRicette che si adatta perfettamente anche per le carni di quaglia e di anatra.

 

SA PUDDA CUM SA MURTA
Gallina con il mirtomirto

 

Ingredienti
una gallina da un 1 kg circa
carota
sedano
prezzemolo
foglie di mirto
sale


Preparazione
Lavate accuratamente la gallina. Mettete sul fuoco una pentola con abbondante acqua, unite la cipolla, una costa di sedano, la carota e qualche rametto di prezzemolo; salate il necessario. Quando l’acqua alzerà il bollore immergetevi la gallina; incoperchiate il recipiente e lasciate cuocere. Appena la gallina sarà tenera, toglietela dal brodo, lasciatela sgocciolare bene poi, ancora fumante, adagiatela in un piatto fondo rivestito da foglie di mirto; coprite interamente la gallina con altre foglie e con un piatto affinché il profumo del mirto si concentri bene e penetri nella carne. Tenete la gallina così fino al giorno seguente; tagliatela a quarti e servitela fredda.

 

Curiosità: quando si raccolgono le foglie di mirto, asportatele con delicatezza per non danneggiare la pianta, perché è molto preziosa in quanto rara 

Chef Quinto Bassu, custode della cucina tradizionale

La Sardegna è una terra misteriosa. Il suo paesaggio è una distesa di prati e di foreste, dove anticamente gli unici viandanti erano i pastori. Portavano le greggi dai monti del Gennargentu, molto fredde in inverno, fino ai pascoli  pianeggianti del Campidano e del Sulcis Iglesiente, molto più miti e fer

...

Manifesti d'Epoca

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo