slide6.jpg

Opinus

opinus"La stagione fredda sta per arrivare. E' il tempo dei cercatori di sogni. La luce dipinge i contorni delle case. Dai comignoli il fumo sbuffa silenzioso disegnando nuvole e animali nel cielo grigio. Dalle finestre si intravedono i bagliori dei camini accesi che creano un'atmosfera calda e serena. 
Penso che basta poco per essere felici: un caminetto acceso che profuma di legna, una coperta di lana, un bicchiere di vino e un dolcetto fatto in casa. Ho deciso che è un piccolo sogno che posso realizzare
E' da tanto che non accendo il camino, ma ho messo da parte alcuni tronchetti profumati come alloro, ulivo e qualche pigna secca per avviare il fuoco, proprio per questi momenti non programmati.
Il fuoco è vivo e scoppiettante. Ora recupero nell'armadio, la coperta di lana a quadroni scozzesi, quella che nonna utilizzava per coprire l'impasto del pane... mi sembra di sentire ancora il profumo del pane appena sfornato. Quanti  bei ricordi...
Sistemo la poltrona davanti al camino, mi verso un po' di vino rosato... e mi godo lo spettacolo delle fiammelle che danzano nel fuoco. Questo si che è relax... questo è l'inverno del mio cuore 
Manca solo il dolce, forse commetto un peccato di gola, ma no! Ho trovato una buona scusa, scelgo il dolce che cura la gola...

InsulaGolosaRicette, custode delle vere ricette sarde, sceglie gli Opinus, i dolcetti per il mal di gola, dedicati a san Biagio, protettore, appunto, dei sofferenti di gola. Anticamente si preparavano intorno al 3 Febbraio ma si conservavano e si consumavano durante tutto l'anno. La loro forma ricorda i pinoli delle pigne, da qui il loro nome. Vengono anche assemblati uno sopra l'altro fino a formare una sorta di pigna dorata, impreziosita da decori brillanti.
Ancora una volta la maestria delle donne sarde fa sfoggio di sé, regalando a noi, cercatori di sogni, un altro piccolo dono.

 

OPINUS
Dolcetti a forma di pigne

Ingredienti
300 gr di farina 
200 gr di zucchero semolato
200 gr di miele
50 gr di strutto
2  uova fresche
1 limone (scorza grattugiata)
acqua di fior d'arancio q.b.
olio per friggere

diavolini di zucchero 

 

Preparazione
Impastate la farina con le uova, lo strutto e un po' d'acqua salata leggermente. Lavoratela fino a dare una consistenza soda e liscia. Dividete la pasta in piccole parti e ottenete dei bastoncini sottili e tagliateli della lunghezza di 5 centimetri. Dopodiché infarinateli,  friggeteli in olio ben caldo e fateli scolare su carta assorbente. 
Prendete ora un tegame antiaderente sul fuoco lento e fate sciogliere il miele, lo zucchero e la scorza grattugiata del limone. Uniteci poi i bastoncini di pasta fritti e mescolate con delicatezza fino ad amalgamare il tutto. A questo punto bagnate le mani in acqua di fior d'arancio e disponete i bastoncini uno sopra all'altro creando una pigna dorata. Infine decorate la pigna di opinus con i diavolini di zucchero o altre perline colorate. 

  

Curiosità: Gli opinus li potete adagiare dentro i classici pirottini di carta oppure dentro piccoli coni di carta pane. Si possono conservare in luogo fresco e asciuto 

Chef Quinto Bassu, custode della cucina tradizionale

pollo_mirtoNella tradizione gastronomica sarda il mirto è un piccolo arbusto che regala bacche e foglie perfette per aromatizzare diverse carni come il porchetto arrosto, il pollame arrosto o bollito. L'uso del mirto come aroma per le carni è presente anche nella cucina spagnola, a conferma dell'influenza ispanica nella cultura e  ne

...

Pecora, centro del mondo rurale

Manifesti d'Epoca

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo