slide9.jpg

Pirichittus con glassa al limone

bianchini

Ogni notte le janas, le piccole fate birichine, si aggiravano nei boschi in cerca di erbe spontanee con cui preparare gli intrugli e le pozioni per far innamorare i giovani pastori. Ma facevano ritorno alle domus de janas prima di mezzanotte, perché dovevano impastare e poi infornare il pane per i poveri. E quando il pane era pronto, non sprecavano mai il calore del forno. Si dedicavano quindi alla preparazione dei dolci deliziosi per incantare i giovani uomini il giorno seguente. 
Le donne sarde sono come le janas: lavorano tutto il giorno e la sera preparano ricette meravigliose. InsulaGolosaRicette, custode delle antiche ricette, vi spiega come realizzare i pirichittus, i dolcetti di pasta dura ricoperti con la glassa al limone, presenti insieme ad altri dolci,  in tutte le ricorrenze come i matrimoni o le feste paesane.

 

PIRICHITTUS
Dolcetti di pasta dura con glassa al limone

Ingredienti
500 gr di farina 0

10  uova fresche
1 bicchiere (da acqua) di olio evo
1 bustina di lievito per dolci e un pizzico di lievito a birra

 

 Ingredienti per la glassa
400 gr zucchero semolato

2 limoni biologici, scorza grattugiata 
1/2  succo di un limone biologico
acqua qb

 

Preparazione
In una ciotola mettete le uova e la farina e lavorate  energicamente fino ad ottenere un impasto morbido. Aggiungete l’olio poco per volta sempre lavorando l'impasto, senza fermarvi e uniteci la buccia grattugiata del limone e il lievito. Setacciate la farina e aggiungetela all'impasto sempre poco per volta, fino ad ottenere una pasta morbida e compatta. Con la pasta realizzate dei bastoncini del diametro di una noce e tagliateli a pezzetti. Disponeteli in una teglia con la carta forno, lasciando un po' di spazio tra di loro e infornateli per 15/20 minuti, in forno caldo, fino a doratura. Poi lasciateli raffreddare.

 

Preparazione glassa
Preparate, ora, la glassa. In un tegame molto capiente mettete lo zucchero semolato e un bicchiere d'acqua. Lasciate sul fuoco fino ad ottenere uno sciroppo denso (se occorre aggiungete altra acqua). A questo punto si immergono i pezzetti di pasta dorati, mescolateli perché assorbano bene lo sciroppo. Poi "pescateli" dallo zucchero e disponeteli su un piano spolverizzandoli con abbondante scorsa grattugiata di limone. Separateli velocemente l'uno dall'altro prima che lo zucchero si raffreddi completamente.
I pirichittus sono pronti. Si conservano per diversi giorni se conservati un luogo fresco e asciutto.

  

Curiosità: I dolcetti di pasta dura hanno un'altra variante: i pirichittus de bentu, ovvero "di vento" perché molto più leggeri e vuoti dentro 

Aspettando il felice Natale

maiale al vino In ogni periodo dell'anno la macchia mediterranea regala essenze e profumi unici che possiamo replicare nei piatti. In autunno scopriamo il finocchio selvatico e i corbezzoli rossi, in inverno il mirto e l'alloro, in primavera la menta e il timo, in estate... l'erba cipollina e la salvia.
InsulaGolosaRicette propone un secondo piatto

...

Manifesti d'Epoca

carciofi con le spineIl carciofo spinoso della Sardegna è il re dei campi isolani, con la sua corona spinosa. E' riconosciuto in Europa e nel mondo con la denominazione di origine protetta (DOP) nel 2011
Oltre al carciofo spinoso, in Sardegna è diffuso il Masedu, caratterizzato dall'assenza di spine, tant'è che in lingua sarda significa mansueto e inerme.
Nelle tavole dei sardi lo

...

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo