slide6.jpg

Moddizzosu

moddizzosu, paneNei tempi addietro, in ogni casa, in sa domu, non mancava mai la catasta di legna da ardere. Periodicamente gli uomini rientravano dalla campagna con cassette di legna già tagliata e pronta per essere impilata, al riparo della pioggia e del vento, solitamente vicino al forno per fare il pane. La legna era diversa, a seconda degli alberi che circondavano la casa, sicuramente proveniva da alberi da frutto come olivo, castagna o ciliegio, ma anche di acacia, quercia e pioppo. La legna veniva utilizzata per riscaldare la casa ma soprattutto per riscaldare il forno a legna, il tempio del pane fatto in casa. Tanti tipi di legno invece erano vietati, in parte perché velenosi come l'oleandro oppure perché producevano troppe scintille come il pino quindi fastidiosi , o ancora perché puzzavano come il legno del fico.
Ma tra quelli considerati "buoni", in Sardegna ha un posto d'onore il lentisco, in sardo moddizzi, un arbusto della macchia mediterranea, che veniva utilizzato per riscaldare il forno e per "spazzolarlo" dalla cenere, prima di infornare il pane. Con i suoi rami, fitti di foglie si preparavano delle scope per la pulizia del forno, che rilasciavano un profumo inebriante di essenze preziose.
Secondo un'antica credenza, un tipico pane del sud dell'isola prende il nome proprio dal lentisco, ragion per cui si chiamerebbe Moddizzosu. Esistono diverse ricette,  InsulaGolosaRicette ha scelto quella a due impasti,  per fare il pane casereccio profumato di lentisco, dalla forma rotonda, morbido e soffice all'interno ma con la crosta croccante.

 

MODDIZZOSU
Pane casereccio sardo

Ingredienti

Primo Impasto
250 gr di farina di grano duro tipo 0
12 gr di lievito di birra
acqua di fonte qb (circa 125 gr)

Impastate energicamente gli ingredienti e lasciate lievitate il composto per un paio d’ore (se fa freddo anche 3-4 ore)


Secondo Impasto
700 gr di semola di grano duro
300 gr di farina di grano duro tipo 0
1 cucchiaio di sale fino
600 gr di acqua di fonte

lentisco

Tenete conto che per 1 kg di (semola+farina) occorrono circa 250 gr di impasto precedentemente fatto lievitare. Quindi dividete il composto lievitato in porzioni che possano rispettare queste dosi e procedete con la lavorazione per ciascuno, magari in tempi diversi per avere il tempo di infornare successivamente.
Quindi, riepilogando, prendete un pezzo di circa 250 gr del primo impasto e lavoratelo con 700 gr di semola di grano duro e 300 gr di farina, aggiungete il sale e poco alla volta l'acqua. Lavorate l'impasto con energia facendo forza con le braccia e le nocche delle mani, fino a quando l'impasto risulterà morbido e liscio. Adagiatelo su un piano infarinato e continuate a lavorarlo con i pugni. Infine dividetelo poi in 3 parti dandogli la forma di piccole palle, infarinatele e lasciate lievitare per 2 o 3 ore ancora.
Infine infornate ciascun pezzo nel forno a legna, se avete la fortuna di averlo, avendo cura di avvicinarli all'imboccatura del forno a metà cottura, oppure nel forno preriscaldato a 250° C per 15 minuti, poi abbassate a 180°C e continuare la cottura per altri 30 minuti o fino a completa doratura. Appena sfornato, ancora caldo, coprite con dei canovacci bianchi o una coperta. 

Curiosità: Su moddizzosu è un pane che non ammuffiisce e dura molto a lungo, tant'è che nel passato veniva prodotto una volta a settimana 

 

Aspettando il felice Natale


PatateNella cucina tradizionale le patate e le erbe aromatiche sono considerate ingredienti primari per tutte le pietanze locali. Le patate vengono coltivate negli orti come si faceva nel secolo scorso prediligendo quelle bianche e gialle perché più facili da curare. Le erbe aromatiche invece si trovano facilmente in natura anche se ul

...

Manifesti d'Epoca

carciofi con le spineIl carciofo spinoso della Sardegna è il re dei campi isolani, con la sua corona spinosa. E' riconosciuto in Europa e nel mondo con la denominazione di origine protetta (DOP) nel 2011
Oltre al carciofo spinoso, in Sardegna è diffuso il Masedu, caratterizzato dall'assenza di spine, tant'è che in lingua sarda significa mansueto e inerme.
Nelle tavole dei sardi lo

...

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo