slide9.jpg

Mirto

Sa murta

Fiori di mirtoIl mirto è un piccolo arbusto sempreverde, aromatico. E' densamente ramificato con le foglie coriacee di colore verde brillante. Produce in primavera dei piccoli fiori solitari da lunghi peduncoli con 5 petali bianchi e da lunghi peduncoli. In autunno matura il suo frutto, una bacca nera-bluastra. 
La raccolta delle bacche è proprio un vero rito. Si usa un piccolo attrezzo dentato che permette di raccogliere i frutti senza danneggiare la pianta. Con le bacche ma anche con le foglie si produce un liquore tipico, conosciuto in tutto il mondo. Con le foglie si ottiene il liquore di mirto bianco, con le bacche quello classico dal colore viola. 
Secondo la tradizione il mirto è una pianta che porta ricchezza affettiva e amore, nonché fecondità. E proprio per questo si riteneva che tenere una pianta di mirto in prossimità della casa portasse fortuna in amore e pace tra gli abitanti. Anticamente le donne preparavano infusi per rinvigorire la passione e attirare il desiderio della persona amata, ma servivano anche per calmare la bronchite o le infiammazioni della bocca.
Tra gli usi in gastronomia, ricordiamo che il mirto è sempre stato utilizzato per aromatizzare le carni arrosto e i pesci alla griglia.
Si consiglia di rispettare questa bellissima pianta perché come tutte le piante autoctone, rischia l'estinzione.

Chef Quinto Bassu, custode della cucina tradizionale

pollo_mirtoNella tradizione gastronomica sarda il mirto è un piccolo arbusto che regala bacche e foglie perfette per aromatizzare diverse carni come il porchetto arrosto, il pollame arrosto o bollito. L'uso del mirto come aroma per le carni è presente anche nella cucina spagnola, a conferma dell'influenza ispanica nella cultura e  ne

...

Manifesti d'Epoca

olive nere secche

La raccolta delle olive ha i suoi tempi, che vengono scanditi dalla maturazione delle olive. Le olive nere da tavola sono le ultime ad essere raccolte perché le più tarde a maturare. Esistono diverse ricette con le olive nere tra cui quella antica come gli stessi uliveti sardi:  le olive ne

...

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo