slide11.jpg

Frittelle di zucchine

Le viuzze dei centri storici mi hanno sempre affascinato. I balconi in ferro battuto dei palazzetti d'epoca, traboccano di piante fiorite. Dalle finestre svolazzano le tende in pizzo facendo strada alle note stonate di un pianoforte. Spesso si  incrociano alcuni anziani che rientrano a casa con le buste della spesa e salutano gioiosi anche se non ti conoscono. I turisti più curiosi si avventurano nelle stradine sempre più strette e si riposano nelle panchine sotto gli alberi di fico lussureggianti per gustare il cibo del momento: il finger food, la nuova tendenza young, che non è altro che il cibo mangiato con le mani.
Non vogliamo primeggiare nelle mode ma d
iciamo pure che, dalle nostre parti, mangiare il formaggio o il salame con le mani è sempre stato alla moda... Per questo motivo  InsulaGolosaRicette, nella sua missione di salvaguardia della cucina tradizionale, propone pietanze finger food, a base di frittura con ingredienti dell'orto, rubati al contadino.
In questa pagina vi spieghiamo come preparare le frittelle di zucchine, sa croccoriga fritta. A seguire altre specialità.

 zucchine fritte

 

CROCCORIGA FRITTA
Frittelle di zucchine

 

Ingredienti
3/4 zucchine
2 uova fresche
acqua gassata ghiacciata
farina, sale e olio qb

 

Preparazione
Tagliate le zucchine a scaglie o a fettine sottilissime. Sbattete le uova fredde, aggiungete la farina e e l'acqua gassata ghiacciata, fino ad avere un composto non troppo denso, uniteci le zucchine e mescolate. Riponete la pastella in frigorifero, per utilizzarla molto fredda.
Infine, in una padella portate l'olio alla temperatura di 175 gradi circa e poi  versateci il composto a cucchiaiate per ottenere le singole frittelle. 
La temperatura dell’olio deve rimanere costante, attenzione quindi a rispettare la quantità di pezzi che riesce a contenere la padella: troppi pezzi rischiano di far abbassare drasticamente la temperatura dell’olio, mentre pochi pezzi possono farla aumentare troppo. Una volta dorate, le frittelle vanno riposte sulla carta assorbente e salate. 
Ottime calde ma anche fredde.

Consiglio: Aggiustate la pastella con un po' di farina se nel frattempo è diventata liquida a causa dell'acqua rilasciata dalle zucchine  

Chef Quinto Bassu, custode della cucina tradizionale

In Sardegna ogni paese è un'isola nel senso che ogni comunità rivendica con orgoglio le proprie tradizioni, e in gastronomia, i propri piatti. Si pensi che lo stesso piatto viene chiamato in modi diversi e con un dialetto completamente dissimile, a seconda delle zone geografiche o dei paesi che a v

...

Manifesti d'Epoca

carciofi con le spineIl carciofo spinoso della Sardegna è il re dei campi isolani, con la sua corona spinosa. E' riconosciuto in Europa e nel mondo con la denominazione di origine protetta (DOP) nel 2011
Oltre al carciofo spinoso, in Sardegna è diffuso il Masedu, caratterizzato dall'assenza di spine, tant'è che in lingua sarda significa mansueto e inerme.
Nelle tavole dei sardi lo

...

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo