slide9.jpg

Pollastro con pomodorini

pollo_pomodoroSino a qualche decennio fa, non era raro alzarsi con il canto del gallo. Tante famiglie sarde tenevano, nel cortile, le galline e ovviamente il gallo, che aveva il piacere di svegliare gli abitanti della casa e il vicinato con il suo canto. Chi ha la fortuna di vivere in campagna può godersi ancora questa sveglia, e soprattutto può gustare dei piatti realizzati con la carne di pollo ruspante che non ha nulla a che vedere con quella prodotta negli allevamenti industriali.
La Sardegna vantava la presenza della Gallina Sarda, una specie, forse estinta, a causa del progresso e degli incroci selvaggi. Rimane la speranza di poterla ritrovare, in qualche remoto pollaio dell’isola.... Faccio un appello per ritrovarla... e se qualcuno di voi può darmi informazioni, ve ne sarei molto grata.
InsulaGolosaRicette vi propone una ricetta tanto amata nella mia famiglia, Pollastro con pomodorini, un secondo piatto gustoso e succoso, che riporta alla memoria i pranzi domenicali nella casa di campagna... 

 

CAPUNISCEDDU CUM TOMATA
Pollastro con pomodorigalli

 

Ingredienti
1 o 2 pollastri
500 gr di pomodori maturi
cipolla
basilico
un pizzico di peperoncino rosso
olio extravergine di oliva
sale qb


Preparazione
Lavate accuratamente i pollastri e tagliateli a pezzi. Metteteli in una casseruola e fateli rosolare con un po' d'olio. Quando sono perfettamente dorati adagiateli momentaneamente in un piatto. Con l'olio rimasto nella casseruola, fate rosolare la cipolla affettata a cui si aggiungono i pomodori pelati, tagliati a cubetti, qualche foglia di basilico e il peperoncino rosso. Lasciate sul fuoco per qualche minuto, girando il composto, e poi uniteci i pezzi di carne rosolati. Salate e continuate la cottura per altri 10 minuti. Disponete in un piatto da portata e servite i pollastri ancora caldi.

 

Curiosità: Accompagnate questo piatto succoso con fette di pane civraxiu abbrustolito e un buon bicchiere di vino rosso 

Chef Quinto Bassu, custode della cucina tradizionale

ripieno

Quando il sole è alto, non è difficile notare, sotto gli alberi piegati dal maestrale, le pecore che riposano dopo una giornata passata a vagabondare nei prati, brucando ogni filo d'erba. Fanno un po' paura. Direte che assurdità, una pecora che fa paura... ma se le vedete  in azione, sono cap

...

Pecora, centro del mondo rurale

Manifesti d'Epoca

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo