slide6.jpg

Malloreddus alla campidanese

pasta malloreddusIs Malloreddus, gnocchetti sardi, rappresentano una delle forme più tipiche di pasta sarde. "Malloreddus" deriva dal termine Malloru che nel sud Sardegna significa toro o meglio “vitello”. Probabilmente il nome è dovuto alla forma allungata con il dorso vuoto caratterizzato da rilievi zigrinati che ricorda la pancia dei piccoli vitellini tanto amati dai pastori. Gli ingredienti base sono semola di grano duro, acqua, sale e zafferano. I malloreddus alla campidanese sono un primo piatto saporito e gustoso, ottimo per chi ama i sapori rustici.

 

 Ingredientimalloreddus
500 gr di gnocchetti  sardi
un bel pezzo salsiccia
(quella fresca arrotolata, priva di pelle)

1 salsiccia secca sarda
200 gr di pecorino fresco

prezzemolo
olio
aglio
passata di pomodoro o pomodori rossi maturi
vino bianco
basilico fresco per decorare il piatto

  
Preparazione
Fate soffriggere l'aglio in una padella con l'olio, fate sciogliere la salsiccia, aggiungete la salsiccia secca tagliata a cubetti e fate rosolare bene il tutto, aggiungete il vino bianco, fate sfumare e poi versate la passata di pomodoro, fate cuocere per circa 30 minuti. Ogni tanto mescolate con cura.
Intanto cuocete i gnocchetti in abbondante acqua salata, versateli nella padella insieme al sugo, aggiungete il pecorino fresco grattugiato al momento e amalgamate bene. Decorate con il prezzemolo tagliato a pezzetti con le mani e con qualche foglia di basilico fresco.


Curiosità: si trovano in commercio diversi tipi di malloreddus, aromatizzati allo zafferano, al pomodoro e agli spinaci.

Aspettando il felice Natale

sa cordulaSi dice che in Sardegna ci siano più pecore che abitanti. Non so se questo sia vero ma è certo che i sardi hanno gran rispetto per le pecore, perché sono fonte di reddito e alimento base della gastronomia tradizionale. Infatti grazie alla fantasia e alla praticità dei pastori, le par

...

Manifesti d'Epoca

Cesto di crescione

Anticamente nell'isola si riteneva che su martuzeddu, il crescione d'acqua avesse proprietà afrodisiache specie se consumato in insalata con cipolle e succo di limone.
E' una pianta spontanea che vive in prossimità di corsi d'acqua perché predilige luoghi freschi e ombrosi. Utilizzata a crudo è ricca di vitamina C, sali minerali e oligoelementi ed è ottima i

...

Cerca gli eventi

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo