slide12.jpg

Nuragus di Cagliari

Nuragus di Cagliari

Tra i vitigni a bacca bianca della Sardegna, il Nuragus di Cagliari DOC è il più diffuso nell'isola, anche se la presenza di questo vitigno è concentrata soprattutto nelle province di Cagliari e Oristano. Sopravvissuto agli attacchi di fillossera che nei primi anni del '900 distrussero altre varietà di vitigni, il Nuragus ha riempito i vuoti lasciati dalle altre varietà e ha espanso ulteriormente il proprio vigneto. L'elevata diffusione è dovuta anche alla sua rusticità e alla resistenza nei confronti dei parassiti della vite, oltre che alla facilità con cui si adatta a ogni tipo di terreno. Inoltre la grande generosità produttiva lo ha reso un vino molto amato tra i vignaioli sardi. L'origine del vitigno Nuragus è incerta: alcuni ritengono che furono i navigatori fenici, fondatori della antica città di Nora i cui ruderi sono ancora visibili nella zona costiera a sud-ovest di Cagliari, a impiantare il vitigno nell'isola. Secondo altri si tratterebbe di un vitigno autoctono. Chi sostiene l'origine fenicia del vitigno fa derivare il nome del Nuragus di Cagliari dalla locuzione nur che nell'antica lingua fenicia significava "fuoco": gli acini maturano grazie all'esposizione del sole e del calore; chi invece sostiene l'origine autoctona, accosta il nome del vitigno a quello dei Nuraghi, poiché il grappolo ha una forma simile a quella di un nuraghe rovesciato. Alcuni avanzano anche un'altra ipotesi, ossia un vitigno di origine selvatica derivante da modificazioni di viti introdotte dai Romani nel territorio di Valentia, in prossimità dell'attuale paese Nuragus, da cui probabilmente prende il nome.
Il vino Nuragus di Cagliari è di colore giallo paglierino tenue, talvolta con riflessi verdognoli; è caratterizzato da un bouquet leggero e gradevole, con profumi di mela verde e delicate note agrumate, e da un gusto sapido e piacevolmente fresco al palato, secco oppure amabile a seconda della tipologia, morbido e leggero di corpo. La gradazione alcolica varia a seconda della zona di produzione, ma non è comunque mai inferiore ai 10,5°. Si produce anche nelle tipologie frizzante e amabile con le sottocategorie, tranquillo e frizzante.
Il Nuragus di Cagliari Doc è un vino da pasto nella versione secco e da fine pasto nella versione amabile. Il Nuragus di Cagliari Secco si accosta piacevolmente insieme a piatti di pesce, zuppe di conchigliacei, antipasti magri, pesce arrosto o alla griglia, crostacei lessati conditi con olio d'oliva. Si abbina bene anche a carni bianche, formaggi giovani, torte salate di verdura e primi piatti delicati.
È un ottimo aperitivo se servito molto freddo.
Va degustato in calici a tulipano svasato, a una temperatura di servizio tra i tra i 6 e gli 8° C, se abbinato a piatti freddi, e 12° C se accostato a piatti caldi. Si consuma giovane o dopo un moderato invecchiamento di uno o al massimo due anni in luogo fresco e buio, in bottiglie diritte.

Chef Quinto Bassu, custode della cucina tradizionale

In Sardegna ogni paese è un'isola nel senso che ogni comunità rivendica con orgoglio le proprie tradizioni, e in gastronomia, i propri piatti. Si pensi che lo stesso piatto viene chiamato in modi diversi e con un dialetto completamente dissimile, a seconda delle zone geografiche o dei paesi che a v

...

Pecora, centro del mondo rurale

Manifesti d'Epoca

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo