slide6.jpg

Sternbergia lutea

zafferanastro

In autunno la campagna si colora di toni caldi e avvolgenti. Tra i ricci spinosi delle castagne e le foglie

...

Casalinghe disperate... mai♥

Sa Cordula con i piselli

sa cordula prisurciI pascoli in Sardegna sono sempre buoni. Il clima e la vegetazione sono favorevoli alla pastorizia in ogni periodo dell'anno, tant'è che non manca mai la materia prima per realizzare piatti di carne, formaggi di alta qualità o dolci a base di latte ovino. Tantissime sono le pietanze legate alla pastorizia conosciute ai più, ma esiste una gamma di piatti antichissimi sconosciuti, degni di essere riscoperti e riproposti.
Uno è Sa Cordula, ossia la treccia di agnello, così chiamata per l'aspetto del prodotto finito, frutto di un particolare modo di assemblare le interiora degli agnelli o dei capretti. Sa Cordula si può arrostire a fuoco lento nel caminetto; oppure si può cucinare in umido, 
Sa Cordula cum prisurci, la treccia con i piselli. Anticamente si preparava durante le festività pasquali, quando, insieme agli agnelli da latte, i piselli novelli erano di facile reperibilità. Ecco la ricetta di mia madre, ora di InsulaGolosaRicette.

 

  

SA CORDULA CUN PRISURCI
capre
Treccia con i piselli

 

Ingredienti
1 cordula
500 gr di piselli novelli sgranati
1 cipolla
olio extravergine d'oliva qb
2 cucchiaiate di salsa di pomodoro
1 bicchiere d'acqua
sale qb

 

Preparazione

Fate bollire sa cordula in abbondante acqua salata per un'ora circa. Dopodiché toglietela dall'acqua e passatela in padella con l'olio evo e la cipolla affettata grossolanamente. Fate rosolare a fuoco medio per 15 minuti avendo cura di girare sa cordula su tutti i suoi lati, aggiungete i piselli precedentemente rosolati, la salsa di pomodoro e il bicchiere d'acqua. Portate ad ebollizione e lasciate cuocere per altri 15/20 minuti. Salate a piacere e servitela ancora calda, tagliata a fette. 
  
Una curiosita:  Sa trattalia è la coratella di agnello o di capretto cucinata arrosto nello spiedo o in tegame con cipolle e prezzemolo 

 

Chef Quinto Bassu, custode della cucina tradizionale

ripieno

Quando il sole è alto, non è difficile notare, sotto gli alberi piegati dal maestrale, le pecore che riposano dopo una giornata passata a vagabondare nei prati, brucando ogni filo d'erba. Fanno un po' paura. Direte che assurdità, una pecora che fa paura... ma se le vedete  in azione, sono cap

...

Pecora, centro del mondo rurale

Manifesti d'Epoca

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo