slide9.jpg

I frutti boschivi

Per secoli le genti di montagna, soprattutto del Gennargentu, hanno coltivato e curato i frutti boschivi regalati da madre natura. Da settembre fino a dicembre troviamo così, le castagne, le nocciole, le mandorle e tanti altri frutti in guscio in tutti i mercatini dell'isola e in tutte le nostre tavole. E non c'è sagra o festa paesana in cui non si ammirino le castagne arrosto saltare sul fuoco ardente; per non parlare delle nocciole caramellate vendute nei banchetti degli ambulanti, in coni di carta come ai vecchi tempi, per la gioia dei bambini e degli adulti.
Il consumo dei frutti boschivi è legato soprattutto alla produzione di dolci e di torroni, in perfetta sincronia con le feste natalizie, quando la tradizione dolciaria dà il meglio di sé. 
 

Ecco alcuni suggerimenti per ripetere queste delizie anche a casa tua.

 

CASTAGNE ARROSTO
Castangia in su fogu

CastagnePer cucinare le castagne arrosto è necessario utilizzare una padella con i fori che permette alla fiamma di entrare e abbrustolire la buccia. Selezionate le castagne scegliendole della stessa dimensione in modo da avere una cottura uniforme. A questo punto incidete un taglio di circa 2 cm sulla parte bombata della buccia con un coltellino affilato cercando di non arrivare alla polpa.
Se non avete la possibilità di accendere un fuoco, potete utilizzare un fornello da campeggio, magari disposto in un luogo areato. Posizionate la padella forata con le castagne e aspettate che inizino ad abbrustolire. Ogni tanto giratele con un mestolo in metallo dal manico lungo oppure scuotete la padella in modo che non brucino.
La cottura è ultimata quando le castagne si intravedono sotto la buccia. Ottime mangiate calde. Se non potete consumarle subito potete entro un'oretta se le riponete in una busta di carta pane ricoperta con un panno caldo.

 

 

NOCCIOLE TOSTATE
Nuxedda arrustu


NoccioleSgusciate le nocciole e mettetele in una padella antiaderente e fatele tostare per circa dieci minuti, fino a che le pellicine non cominciano a staccarsi. Strofinate con uno strofinaccio ruvido per eliminare le pellicine.
In alternativa alla padella, si possono anche tostare sotto il grill del forno, ad una temperatura attorno ai 180° C girandole di tanto in tanto.
Ottime come cibo da passeggio, possono essere servite assieme all'aperitivo o a fine pasto.

NOCCIOLE CARAMELLATE
Nuxedda cun zuccuru

1/2 kg di nocciole sgusciate ma non tostate, non spellate
1/2 kg di zucchero
1/2 bicchieri d'acqua qb

Mischiate tutti gli ingredienti in una padella antiaderente e ponetela sul fuoco. Quando lo zucchero comincia a rapprendersi toglietela dalla fiamma e date una bella rimestata. Dopodiché rimettetela sul fuoco basso per circa 4/5 minuti, fino a chè lo zucchero caramellato non si attaccherà per bene alle nocciole. Intanto che si caramellano giratele con un cucchiaio di legno. Versate le nocciole caramellate su un piatto e lasciatele freddare, facendo attenzione a non toccarle a mani nude, lo zucchero caldo  è lava ardente. 

 

MANDORLE CARAMELLATE
Mendua cum zuccuru

Mandorle senza guscio

1/2 kg di mandorle sgusciate ma non tostate, non spellate
1/2 kg di zucchero
1/2 bicchieri d'acqua qb

Stesso procedimento di cui sopra: mischiate tutti gli ingredienti in una padella antiaderente e ponetela sul fuoco. Quando lo zucchero comincia a rapprendersi toglietela dalla fiamma e date una bella rimestata. Dopodiché rimettetela sul fuoco basso per circa 4/5 minuti, fino a che lo zucchero caramellato non si attaccherà per bene alle mandorle. Intanto che si caramellano giratele con un cucchiaio di legno. Versate le mandorle caramellate su un piatto e lasciatele freddare, facendo attenzione a non toccarle a mani nude, lo zucchero caldo  è lava ardente. 

 

MANDORLE TOSTATE
Mendua arrustu

1 kg di mandorle col guscio

Riponete le mandorle in una teglia e infornate in forno caldo. Una volta dorate sono pronte. Lasciate raffreddare. Ottime a fine pasto.

Chef Quinto Bassu, custode della cucina tradizionale

pollo_pomodoroSino a qualche decennio fa, non era raro alzarsi con il canto del gallo, nel vero senso della parola. Tante famiglie sarde tenevano, nel cortile, le galline e ovviamente il gallo, che aveva il piacere di svegliare gli abitanti della casa e il vicinato con il suo canto. Chi ha

...

Manifesti d'Epoca

Carciofi olio

Il carciofo è un ortaggio originario del bacino del Mediterraneo. Ne abbiamo testimonianze nella civiltà egizia e greca. Fu coltivato anche nel periodo romano per le sue proprietà gastronomiche e salutistiche. L'odierno nome del carciofo deriva forse dalla parola araba Harsciof o Al-Kharsuf che significa spina di terra e pianta che pun

...

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo