slide12.jpg

Marmellata di frutta sarda

Che differenza c'è tra marmellate e confetture? la risposta è semplice. Le “marmellate” sono quelle a base di agrumi, quindi limone, arancia, pompelmo, mandarino. Tutte le altre sono confetture: quindi pesche, albicocche, prugne, mele, more e fragole, non sono marmellate.
La differenza tra confettura e marmellata sta anche nella percentuale di zucchero utilizzato, solitamente più alta per le marmellate, ma la preparazione si equivale.

MARMELLATA DI ARANCE CON SCORZETTE

1 kg di arance non trattate
800 gr di zucchero semolato

Pelate a vivo le arance. Tenete da parte la scorza di un’arancia (solo la parte arancione), tagliatela a listarelle e fatela bollire in acqua. Mettete le arance intere nel frullatore per alcuni giri. Aggiungete lo zucchero e fate cuocere a fuoco lento. Unite le scorrette di arancia e cuocete per 20 minuti a temperatura di 80° C. Versate la marmellata ancora calda nei vasetti e chiudete saldamente. 
I vasetti, appena lavati, vanno sterilizzati col calore. La marmellata o la confettura va versata nei contenitori ancora bollente, i vasetti vanno ben riempiti, fino ad un centimetro dal bordo, chiusi e quindi capovolti fino al raffreddamento.

Un consiglio: potete realizzare con la stessa procedura la marmellata di mandarini e di agrumi in genere


marmellata

 

CONFETTURA DI CILIEGIE

1 kg di ciliegie
350 gr di zucchero
1 limone non trattato

Lavate bene le ciliegie e togliete il il nocciolo. Lasciate riposare le ciliegie in una pentola insieme allo zucchero e al succo di mezzo limone,  per circa un’ora. Dopodiché mettete il composto sul fuoco a fiamma bassa.
Portate la marmellata a ebollizione mantenendo la fiamma bassa, facendo attenzione a non bruciarla. Mescolate di tanto in tanto con un cucchiaio di legno. Coprite sempre la pentola per evitare gli schizzi. Lasciate sul fuoco per almeno un’ora, schiacciando di tanto in tanto le ciliegie con il cucchiaio di legno.  Versate la marmellata ancora calda nei vasetti e chiudete saldamente.
I vasetti, appena lavati, vanno sterilizzati col calore. La marmellata o la confettura va versata nei contenitori ancora bollente, i vasetti vanno ben riempiti, fino ad un centimetro dal bordo, chiusi e quindi capovolti fino al raffreddamento.

 

Un consiglio: se volete una marmellata omogenea, senza pezzi di frutta, potete passare il composto di ciliegie con un frullatore 

 

CONFETTURA DI KAKI E MELE

1 kg di kaki
500 gr di mele
200 gr di zucchero

Sbucciate le mele e lavate i kaki accuratamente. Tagliate i frutti a pezzetti  e lasciateli macerare con lo zucchero in una pentola col coperchio per circa 12 ore. Dopodiché mettete il tutto sul fuoco e portate a bollore. Fate cuocere per 15 minuti mescolando di continuo con un mestolo di legno. Poi togliete dal fuoco, lasciate raffreddare e frullate il tutto. La purea ottenuta va portata a bollore sul fuoco, lasciando cuocere sino a quando la confettura ha raggiunto la giusta consistenza. Versate la la confettura ancora calda nei vasetti.
I vasetti, appena lavati, vanno sterilizzati col calore. La marmellata o la confettura va versata nei contenitori ancora bollente, i vasetti vanno ben riempiti, fino ad un centimetro dal bordo, chiusi e quindi capovolti fino al raffreddamento.

 

Un consiglio: se vi piace il gusto amarognolo, potete sostituire le mele con le mele cotogne 


CONFETTURA DI PESCHE E AMARETTI

1 kg di pesche
500 gr di zucchero
il succo di un limone
100 gr di amaretti sardi
1 bustina di Pectina


Lavate, snocciolate, fate a pezzi le pesche e mettetele con il succo di limone e gli amaretti sardi, nel frullatore per ottenere una purea. Aggiungete lo zucchero e cuocete a fuoco lento, aggiungete una bustina di pectina per garantire un corretto addensamento della marmellata in fase di cottura. Lasciate riposare cinque minuti, poi invasate, chiudete bene.
I vasetti, appena lavati, vanno sterilizzati col calore. La marmellata o la confettura va versata nei contenitori ancora bollente, i vasetti vanno ben riempiti, fino ad un centimetro dal bordo, chiusi e quindi capovolti fino al raffreddamento.

 

Un consiglio: Qualsiasi tipo di marmellata o confettura va conservata per almeno 15 giorni prima di essere consumata, in luogo asciutto e con poca luce. Possono essere conservate fuori dal frigorifero finché restano sigillate, ma, una volta aperte, vanno tenute in frigo, e consumate in genere entro tre settimane. Se si notano rigonfiamenti nel tappo, alterazioni nel colore e formazioni di muffe, è bene gettare marmellata e vasetto.

 

Aspettando il felice Natale

Domu_sardaProtagonista autunnale delle tavole più glamour è la lumaca, molto amata in Sardegna, tanto che Gesico, piccolo paese nel Campidanese, è stato titolato, capitale della lumaca, grazie a una deliziosa sagra che si tiene ogni anno a ottobre.
Dopo i primi acquazzoni stagionali, consuetudine vuole che si vada per campi alla ri

...

Manifesti d'Epoca

olive

In autunno tra i colori dorati e aranciati, spiccano i verdi e i viola delle olive mature. E' il tempo della raccolta delle olive. Ancora oggi nelle campagne le famiglie fanno la tradizionale raccolta manuale; ai piedi della pianta vengono preparate le piazzole dove le olive mature cadono a terra,

...

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo