slide6.jpg

Bianchini sardi deliziosi

bianchini

Il vento di maestrale batte forte in Sardegna, soprattutto sulla costa occidentale. Da queste parti il mare è sempre spumeggiante e le nuvole corrono in cielo, disegnando strane figure. Il vento porta con sé i suoni e i profumi del mare e della terra, del pane e dei dolci appena sfornati, che tanto assomigliano alle nuvole, bianchi e spumosi, come le meringhe sarde, conosciute da tutti come i bianchini sardi
InsulaGolosaRicette ripropone la ricetta dei bianchittus, molto simili alle meringhe di oltremare, ma distinguibili per l'interno morbido e vellutato costellato mandorle. I bianchini sardi sono uno dei tanti dolci tipici offerti nelle ricorrenze come i matrimoni o le feste paesane.

 

BIANCHINI SARDI
Biancheddus, Bianchittos

Ingredienti
4 albumi d'uova fresche
400 gr di zucchero
1 limone biologico, scorza grattugiata e qualche goccia di succo
mandorle a piacere
diavoletti colorati o cristalli di zucchero a piacere

 

Preparazione
Assicuratevi che le uova siano a temperatura ambiente perché montano più rapidamente e che negli albumi non siano presenti tracce di tuorlo perché il grasso contrasta fortemente la montatura. Versate gli albumi e lo zucchero in una ciotola di vetro o di metallo, mai di plastica perché anche se pulita, trattiene il grasso. Iniziate a montare il composto senza aggiungere sale. Sebbene alcuni lo consiglino, inizialmente il sale favorisce la montatura degli albumi ma poi provoca una perdita di liquidi e un afflosciamento dei bianchini. Il composto è montato correttamente quando è sodo e compatto... provate a capovolgerlo... se rimane fermo è pronto.albumi
Aggiungete il limone grattugiato grossolanamente e se è di vostro gradimento, le mandorle sgusciate, tagliate a striscioline e qualche goccia di limone per renderli più bianchi. Mescolate delicatamente per qualche minuto. Foderate le teglie con la carta da forno e iniziate a formare i bianchini utilizzando la saccapoche, o aiutandovi con due cucchiai per formare una sorta di goccia. Distanziateli l'uno dall'altro per non attaccarsi durante la cottura.
Cospargeteli con granelli di zucchero e infornate a 120/150° con forno statico per circa 20 minuti. Tenete il forno socchiuso per disperdere l'umidità e per essiccare meglio i bianchini. Staccateli dalla carta con la lama di un coltello e adagiateli su un vassoio per dolci.

  

Curiosità: I deliziosi dolcetti alle mandorle possono essere decorati anche con i diavoletti multicolore

 

 

Chef Quinto Bassu, custode della cucina tradizionale

trippaNelle case in ladiri, (i mattoni di terra cruda), accanto ai camini accesi, le donne appendevano i cestini di asfodelo, intrecciati a mano, decorati con nastri di raso e ritagli di damascato. Erano gli unici oggetti preziosi che potevano permettersi, ma nonostante la semplicità della casa, erano delle artiste in cucina. E

...

Manifesti d'Epoca

Cesto di crescione

Anticamente nell'isola si riteneva che su martuzeddu, il crescione d'acqua avesse proprietà afrodisiache specie se consumato in insalata con cipolle e succo di limone.
E' una pianta spontanea che vive in prossimità di corsi d'acqua perché predilige luoghi freschi e ombrosi. Utilizzata a crudo è ricca di vitamina C, sali minerali e oligoelementi ed è ottima i

...

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo