slide6.jpg

Coriccheddos

cuore dolce sposiPer i festeggiamenti nuziali nel nuorese e in altre zone dell'isola, è tradizione sempre viva quella di offrire agli sposi, un dolce a forma di cuore, a base di mandorle e miele, aromatizzato  con buccia d’arancia e zafferano, conosciuto da tutti come Coriccheddos. Il cuore viene offerto anche ai testimoni, ai padrini, ai genitori della coppia come segno di buon augurio e di ringraziamento per la partecipazione alla festa.
Il Coriccheddos, prezioso ed elegante, è ricoperto di uno strato sottile di pasta di pane, finemente decorato e ricamato, con motivi che esprimono l’augurio di benessere, abbondanza, amore e armonia.
Solo mani esperte riescono a realizzare questa bellissima forma d'arte, ma InsulaGolosaRicette vi propone la ricetta da fare in casa. Tentare non nuoce, magari i cuoricini non saranno belli come nella foto ma saranno sicuramente buonissimi.

 

CORICCHEDDOS
Cuoricini degli sposi

Ingredienti
400 gr di farina 00
150 gr
di zucchero

80 gr di burro o strutto
mezzo litro di sapa (vino cotto)
100 gr
di mandorle dolci, pelate e tritate
buccia di 1 arancia grattugiata
1 bustina di vanillina
150 gr
di semola di grano duro

1 cucchiaio di zafferano
50 gr di miele

confettini colorati
sale
burro per la placca
farina per la placca

Preparazione
Mettete le mandorle in acqua bollente per circa 2 minuti; scolatele e distribuitele sulla placca. Passatele quindi in forno a 150 °C e fatele asciugare, poi pelatele e tritatele. Sbucciate l’arancia ricavando solo la parte colorata della buccia e facendo attenzione a eliminare quella bianca amara; tritatela e unitela alle mandorle. Versate la sapa (ottenuta mettendo a bollire il  mosto per diverse ore, fino a quando risulta ristretto di almeno un terzo del suo volume iniziale) in una casseruola e portatela a ebollizione, quindi unite la semola lasciandola cadere a pioggia, la vanillina, le mandorle, il miele e l’arancia e fate cuocere a fuoco dolce per 30 minuti, fino a quando il composto si sarà addensato.
Preparate la pasta: versate a fontana la farina, fate un incavo, aggiungete il pizzico di sale, lo zucchero, lo strutto un po' liquefatto, la buccia di arancia e la bustina di vaniglia e acqua tiepida quanto basta. Lavorate il composto fino a farlo diventare un impasto omogeneo e setoso. Lasciatelo riposare per 30 minuti coperto da un canovaccio.
Riprendete la pasta e tirate una sfoglia molto sottile, e ricavate tanti cuoricini usando tutta la pasta. I cuoricini di sopra devono avere una piccola apertura al centro, sempre a forma di cuore.
Su ogni cuore mettete un cucchiaio di impasto e ricoprite con un cuore più piccolo ottenuto ritagliando al centro del precedente. Sigillate bene i bordi. Infine mettere  al centro dell'incavo del cuore un po' di mandorle tritate. Disponete i cuoricini su una placca imburrata e infarinata, poi cuocete in forno a 180 °C per 40 minuti. Sfornate, completate con i confettini colorati, fate raffreddare e servite.

Curiosità: Come le ciliege, un cuoricino tira l'altro 

Chef Quinto Bassu, custode della cucina tradizionale

ripieno

Quando il sole è alto, non è difficile notare, sotto gli alberi piegati dal maestrale, le pecore che riposano dopo una giornata passata a vagabondare nei prati, brucando ogni filo d'erba. Fanno un po' paura. Direte che assurdità, una pecora che fa paura... ma se le vedete  in azione, sono cap

...

Manifesti d'Epoca

Carciofi olio

Il carciofo è un ortaggio originario del bacino del Mediterraneo. Ne abbiamo testimonianze nella civiltà egizia e greca. Fu coltivato anche nel periodo romano per le sue proprietà gastronomiche e salutistiche. L'odierno nome del carciofo deriva forse dalla parola araba Harsciof o Al-Kharsuf che significa spina di terra e pianta che pun

...

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo