slide11.jpg

Zippole di Carnevale

sapaL'inverno in Sardegna si fa sentire subito dopo Natale. Non so bene il motivo, ma ogni anno è così. Prima di Natale il clima è mite e il sole riscalda ancora ma subito dopo le festività inizia il vero freddo. Le giornate di gennaio e febbraio sono pungenti e la "merla" arriva anche qui, nell'isola del sole. Ma nelle cucine ci piace preparare dei piccoli "soli" per riscaldare le nostre giornate; sono le famose zippulas, le frittelle di Carnevale. 
Già conosciute in tutta Italia e nel nord Africa con nomi e versioni più o meno simili, le zippole vengono preparate con ingredienti molto comuni ma il loro sapore è unico. Hanno la forma di piccoli cerchi o di spirale a seconda del paese dove vengono preparate. A casa mia sempre a forma di piccoli soli, perché più semplici da consumare.
InsulaGolosaRicette suggerisce questa ricetta da realizzare non solo a carnevale ma in qualsiasi periodo dell'anno.

 

ZIPPULAS
Zippole di Carnevale

Ingredienti
500 gr farina
3 uova
1/4 di latte
50 gr di burro
1 bustina di zafferano
25 gr di lievito di birra
1 o 2 patate
2 arance, succo e scorza
1 bicchierino di acquavite
olio per friggere e zucchero per guarnire le zippole una volta fritte

 papassinas

Zafferano, ingrediente base delle zippole (Fonte foto botanica - http://www.summagallicana.it/lessico/z/zafferano.htm)

 

Preparazione
In una terrina grande, sbattete le uova, aggiungete lo zafferano ed il lievito sciolti in poco latte tiepido, il burro fuso, il liquore e cominciate ad incorporare la farina evitando che si formino grumi (all’inizio si può utilizzare una forchetta); lavorate per un po’ l’impasto, aggiungete le patate lessate e schiacciate (anche le patate non devono presentare grumi). Incorporate via via le patate all’impasto aiutandovi con un po’ di latte. Lavorate bene l’impasto: all’inizio si appiccicherà molto alle mani ma via via diventerà sempre più liscio ed elastico e si staccherà bene dalle mani, e dalle pareti del recipiente; quando si forma qualche bolla l’impasto è pronto. A questo punto coprite la terrina e mettete a lievitare in ambiente caldo (avvolgere la terrina in un plaid e sistematela vicino ad una fonte di calore). La pasta dovrebbe più o meno, raddoppiare di volume. A questo punto mettete abbondante olio di oliva in una padella, realizzate delle ciambelline (bagnarsi le mani con un po’ di acqua) e iniziate friggerle (si gonfieranno molto). Mettetele a scolare su carta assorbente, spolveratele di zucchero.

 

Curiosità: Gli arabi le chiamano "frittura araba", in molte località italiane Zeppole di San Giuseppe, ma tutte buonissime. Si accompagnano bene con la Malvasia di Bosa

 
 

 

Chef Quinto Bassu, custode della cucina tradizionale

pollo_pomodoroSino a qualche decennio fa, non era raro alzarsi con il canto del gallo, nel vero senso della parola. Tante famiglie sarde tenevano, nel cortile, le galline e ovviamente il gallo, che aveva il piacere di svegliare gli abitanti della casa e il vicinato con il suo canto. Chi ha

...

Manifesti d'Epoca

carciofi con le spineIl carciofo spinoso della Sardegna è il re dei campi isolani, con la sua corona spinosa. E' riconosciuto in Europa e nel mondo con la denominazione di origine protetta (DOP) nel 2011
Oltre al carciofo spinoso, in Sardegna è diffuso il Masedu, caratterizzato dall'assenza di spine, tant'è che in lingua sarda significa mansueto e inerme.
Nelle tavole dei sardi lo

...

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo