slide9.jpg

Gueffus

Gueffus

Una leggenda popolare vuole che i gueffus, i raffinati dolci a base di mandorle, siano legati a storie di guerre e di glorie medioevali. Il termine Gueffus deriverebbe da Guelfi, i fedelissimi del Papa che combattevano contro l'Imperatore. Il loro simbolo erano le torri dei castelli, merlate quadrate, che tanto ricordano le frange dei lati estremi della carta velina che avvolge i dolcetti.
La realizzazione dei gueffus è molto semplice. Il trucco per una buona riuscita è sempre nella scelta di ingredienti di ottima qualità. InsulaGolosaRicette vi spiega come realizzarli.

 

GUEFFUS
Palline di mandorle

Ingredienti
500 gr di mandorle dolci
500 gr zucchero semolato
1 bicchiere di acqua di fonte 
1 bicchierino di acquavite
scorza grattugiata di limone 

Preparazione
Portate ad ebollizione una pentola d’acqua e immergete per alcuni minuti le mandorle dolci. Scolatele poco alla volta senza farle raffreddare troppo e pelatele sul momento. Una volta completata questa fase, mettete le mandorle ad asciugare su un panno di cotone in un luogo caldo, magari vicino al camino. Con un tritacarne manuale, quello che usavano le nostre mamme e nonne, triturate le mandorle in una terrina capiente perché aumentano di volume.
In un tegame fate bollire lo zucchero con un po' d'acqua e la scorza grattugiata del limone. Fate addensare sul fuoco, mescolando fino a quando il liquido sarà evaporato. Unitevi le mandorle precedentemente tritate e lasciate raffreddare il tutto e aggiungete il bicchierino di acquavite. Procedete formando delle palline grosse quanto una noce, aiutandovi con le mani bagnate nell'acqua, passatele poi, nello zucchero semolato e infine incartatele con carta velina colorata come se fossero caramelle. 

 

Come ritagliare la carta velina
Mura merlate
Nell'emporio dei dolciumi o in drogheria, procuratevi della carta velina di colori diversi, sul tono pastello. Solitamente i fogli di carta velina rispondono a formati standard per cui piegateli più volte fino ad ottenere un rettangolo di circa 15x10 cm.

Su lati inferiori del rettangolo, così ottenuto, realizzate delle frange con le forbici. Posizionate al centro, il gueffus e avvolgete gli estremi come se fosse una caramella.

 

Curiosità: Se volete stupire i vostri ospiti, sistemate i gueffus  in campane di vetro per dolci, alternando i colori della carta velina 

 

Chef Quinto Bassu, custode della cucina tradizionale

pollo_pomodoroSino a qualche decennio fa, non era raro alzarsi con il canto del gallo, nel vero senso della parola. Tante famiglie sarde tenevano, nel cortile, le galline e ovviamente il gallo, che aveva il piacere di svegliare gli abitanti della casa e il vicinato con il suo canto. Chi ha

...

Manifesti d'Epoca

carciofi con le spineIl carciofo spinoso della Sardegna è il re dei campi isolani, con la sua corona spinosa. E' riconosciuto in Europa e nel mondo con la denominazione di origine protetta (DOP) nel 2011
Oltre al carciofo spinoso, in Sardegna è diffuso il Masedu, caratterizzato dall'assenza di spine, tant'è che in lingua sarda significa mansueto e inerme.
Nelle tavole dei sardi lo

...

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo