slide6.jpg

Pani e' Saba

pani_saba

Durante la settimana precedente alla ricorrenza di Ognissanti e dei Defunti, le donne si riuniscono nelle calde cucine autunnali e preparano su Pani e' Saba, ovvero il pane con mosto di vino. Anticamente veniva regalato dalle famiglie più ricche ai poveri del paese. Era una sorta di omaggio delle persone più abbienti perché tutti pregassero per le anime dei defunti dell'intera comunità, tant'è che viene chiamato anche su pani e s'anima.
Oggi su Pani e' Saba è consumato anche in occasione di altre feste e sagre popolari presenti nell'isola durante tutto l'arco dell'anno.
InsulaGolosaRicette vi propone la ricetta tradizionale, "rubata" dal ricettario di mia madre.

 

SU PANI E' SABA
Pane con mosto (vin cotto) Noci

Ingredienti

1 kg di farina
200 gr di noci
200 gr di mandorle (sbucciate)
200 gr di uvetta passa
25 gr di lievito di birra
20 gr di cannella
1 o 2 bicchieri di sapa o saba (vin cotto)
acqua di fonte qb

Preparazione
Sciogliete il lievito di birra in un po' in acqua tiepida. In una terrina di terracotta (sciffedda) unitelo alla farina ed alla sapa, versata a pioggia ed amalgamata a mano dolcemente. 
A parte, sminuzzate le noci tritate, le mandorle precedentemente tostate al forno; unite l’uva passa (ammorbidita nell'acqua tiepida per 20 minuti e asciugata con un panno bianco), e la sapa (ottenuta mettendo a bollire il mosto per diverse ore, fino a quando risulta ristretto di almeno un terzo del suo volume iniziale). Mescolate e lavorate con cura, aggiungendo il sale e la cannella, ed impastate fino ad ottenere un composto morbido e uniforme. Lasciate riposare l'impasto per alcune ore, coprendo la sciffedda un un panno bianco e con una coperta di lana per mantenere la temperatura di lievitazione. 
Dopo la lievitazione, dividete l'impasto e formate dei piccoli pani o in corone e infornateli in forno caldo a 200° gradi per circa 30 minuti o su di lì.

Una volta sfornati, procedete con Sa pintadura, ovvero la decorazione della parte superiore del dolce: spennellate i pani con altra sapa e guarniteli a piacere, con i diavolini colorati o le perle di zucchero argentate. In molti paesi i pani  e' saba vengono decorati con le mandorle infilzate di sbieco, tanto da sembrare dei piccoli ricci o qualsivoglia, porcospino.

Curiosità: Questi dolci "santi" sono molto simili ai Pabassinas e per distinguerli da questi usanza vuole che i pani e' saba vengano disposti in vassoi, su un letto di foglie di alloro fresco 

Chef Quinto Bassu, custode della cucina tradizionale

maialetto sardo

La gastronomia sarda è lo specchio della cultura e i modus vivendi di genti dedite alla pastorizia e all'agricoltura immerse nel Mare nostrum mediterraneum, sorprendente scenario di naturale bellezza.
Semplice e basilare, si vanta di una sola frivolezza, l'uso dei profumi della macchia mediterranea quali il mirto, il timo, lo

...

Manifesti d'Epoca

Carciofi olio

Il carciofo è un ortaggio originario del bacino del Mediterraneo. Ne abbiamo testimonianze nella civiltà egizia e greca. Fu coltivato anche nel periodo romano per le sue proprietà gastronomiche e salutistiche. L'odierno nome del carciofo deriva forse dalla parola araba Harsciof o Al-Kharsuf che significa spina di terra e pianta che pun

...

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo