slide12.jpg

Pistoccheddus de cappa

biscotti glassatiColorati e croccanti, i biscotti glassati made in Sardinia, i Pistoccheddus de cappa sono i dolci delle feste e delle sagre paesane. I diavoletti cosparsi sulla loro glassa bianca mi ricordano tanto le bandierine che sventolano nelle strade dei paesi, in onore del santo che si festeggia. 
Anticamente venivano preparati per le feste più importanti come i matrimoni o i battesimi, ma anche a Pasqua, tant'è che venivano utilizzati anche come base su cui adagiare le uova da regalare ai bambini, i "Cocoieddus de ou", i coccoetti con le uova. 
InsulaGolosaRicette, custode delle tradizioni, ripropone la ricetta originale tramandata nei secoli dalle donne di casa.


PISTOCCHEDDUS DE CAPPA
Biscotti glassati

  

Ingredienti
1 kg di farina
200 gr di zucchero semolatobandiere
8 uova fresche (3 intere e 5 tuorli)
1 bicchiere di latte
2 limoni non trattati 
100 gr di strutto
1 bustina di lievito

 

Ingredienti per la cappa
albumi qb
zucchero a velo qb
diavoletti colorati

 

Preparazione
Su un piano da lavoro unite lo zucchero, le 3 uova intere e gli 5 tuorli e la scorza grattugiata dei limoni. Amalgamate bene aggiungendo poco alla volta la farina, il latte, lo strutto e infine il lievito fino ad ottenere una pasta morbida ma compatta. Con un mattarello stendete la pasta, e realizzate i biscotti dalle forme desiderate: a ciambella, a ferro di cavallo, a forma di S. Infornate a 180° per circa 20/30 minuti, fino a quando non saranno dorati.

Intanto montate gli albumi e aggiungete, sempre mescolando, lo zucchero a velo appena iniziano ad essere spumosi. Con una sac a poche cospargeteli di glassa e impreziositeli con i diavoletti molto velocemente perché lo zucchero tende a asciugarsi presto. Volendo potete ripassarli qualche minuto nel forno caldo. I vostri deliziosi  pistoccheddus de cappa sono pronti.

Curiosità: La scelta della traggera dipende dall'occasione per cui i biscotti vanno preparati. Se si tratta di un matrimonio si preferisce scegliere quelli argentati o dorati, per altri avvenimenti o feste quelli multicolore 

 

Chef Quinto Bassu, custode della cucina tradizionale

Domu_sardaProtagonista autunnale delle tavole più glamour è la lumaca, molto amata in Sardegna, tanto che Gesico, piccolo paese nel Campidanese, è stato titolato, capitale della lumaca, grazie a una deliziosa sagra che si tiene ogni anno a ottobre.
Dopo i primi acquazzoni stagionali, consuetudine vuole che si vada per campi alla ri

...

Manifesti d'Epoca

olive

In autunno tra i colori dorati e aranciati, spiccano i verdi e i viola delle olive mature. E' il tempo della raccolta delle olive. Ancora oggi nelle campagne le famiglie fanno la tradizionale raccolta manuale; ai piedi della pianta vengono preparate le piazzole dove le olive mature cadono a terra,

...

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo