slide6.jpg

Su Pappai Biancu

pannaFenici, arabi, spagnoli e poi pisani, piemontesi, francesi... si sono susseguiti nei secoli regalando all'isola sapienza culinaria e portarondo dalle loro terre ingredienti altrimenti sconosciuti, come la cannella, le mandorle, i fichi, le nespole e tante altre varietà di frutta e di spezie pregiate. Tutta la gastronomia sarda è stata influenzata da questi popoli. Un esempio di interesse è Su Pappai Biancu, un piatto francese che secondo alcuni fu portato dagli arabi che lo chiamavano zirbaj, secondo altri dagli spagnoli-aragonesi presenti già dalla seconda metà del 1300 quando istituirono le famose città regie: Iglesias, Cagliari, Sassari, Castelsardo, Oristano, Bosa e Alghero.
Le stesse città dove Su Pappai Biancu è un piatto della tradizione, magari con delle varianti ma pur sempre presente.

 su-pappai-biancu

RICETTA "SU PAPPAI BIANCU"
Il biancomangiare


Ingredienti
500 ml di latte vaccino o di pecora
scorza grattugiata di uno piccolo limone o di un'arancia
100 gr zucchero semolato
50 gr amido per dolci
semi di un baccello di vaniglia oppure una busta di vanillina

Preparazione
Riempite un bicchiere di latte, la parte rimanente versatela in un pentolino, uniteci a scorza del limone o dell'arancia, lo zucchero e i semi del baccello di vaniglia. Mettete il pentolino sul fuoco dolce fino a che il latte comincia a sbollire. Uniteci l'amido precedentemente fluidificato con il latte freddo tenuto da parte, versato a filo con molta delicatezza.
Togliere dal fuoco continuando a mescolare non appena comincia ad addensarsi. Con la frusta continuate a girare il composto per qualche istante. Versare il composto non troppo caldo in uno stampo di ceramica o in stampini monodose inumiditi con acqua fresca, per evitare che si "incolli".  Lasciare raffreddare prima a temperatura ambiente poi in frigo per alcune ore.
Sformate e decorate a vostro gusto, con arance candite, con frutti di bosco, o semplicemente con il miele caldo.

 

Curiosità: Questo dessert è molto simile a "su gioddu", lo yogurt sardo

 

Aspettando il felice Natale

trippaNelle case in ladiri, (i mattoni di terra cruda), accanto ai camini accesi, le donne appendevano i cestini di asfodelo, intrecciati a mano, decorati con nastri di raso e ritagli di damascato. Erano gli unici oggetti preziosi che potevano permettersi, ma nonostante la semplicità della casa, erano delle artiste in cucina. E

...

Manifesti d'Epoca

Carciofi olio

Il carciofo è un ortaggio originario del bacino del Mediterraneo. Ne abbiamo testimonianze nella civiltà egizia e greca. Fu coltivato anche nel periodo romano per le sue proprietà gastronomiche e salutistiche. L'odierno nome del carciofo deriva forse dalla parola araba Harsciof o Al-Kharsuf che significa spina di terra e pianta che pun

...

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo