slide6.jpg

Maccarrones de Busa

maccarrone_busa

Nella Sardegna più intima e selvaggia nascono i tradizionali maccarrones de busa o a ferritus, ovvero  i bucatini al ferretto, così chiamati perché si preparano in maniera molto originale, utilizzando i ferri da calza che in sardo si chiamano appunto "busa" o "ferrittus. Sono un tipo di pasta tipica barbaricina dalla forma allungata, ottimi per primi piatti, saporiti e gustosi, dal sapore rustico. La pasta "bucata" consente di raccogliere quanto più condimento possibile, come i sughi al cinghiale e all'agnello o più semplicemente olio e pecorino grattugiato. Si accompagnano benissimo con vini rossi robusti come Cannonau, Monica, Mandrolisai e Carignano.

 

MACCARRONES DE BUSA, A FERRITTUS
Bucatini al ferretto

 bacatini_ferri

Ingredienti
400 gr semola fine di grano duro
1 pizzico di zafferano
2 uova
2 cucchiai di olio evo
acqua qb
sale qb
farina q.b

   
Preparazione
Disponete la semola a fontana su un piano e iniziate a lavorarla aggiungendo un poco alla volta l'acqua tiepida salata. Uniteci le uova e l'olio, lo zafferano e continuate a lavorate l'impasto fino a quando sarà morbido e compatto. Copritelo con un canovaccio e lasciatelo riposare per almeno 1 ora in ambiente temperato. Dopodiché dividete l'impasto in piccoli pezzi e stendeteli in sfoglie sottili ritagliando rettangolini di circa 8 cm di lato. Spolverizzateli con la farina e con un ferro da calza grosso iniziate ad arrotolarli intorno al ferro, Sa busa, pressando la pasta sul ferro e poi sfilate il ferro delicatamente. Riponete il maccarrone, così ottenuto, ad asciugare su un panno leggermente infarinato. Continuate l'operazione fino ad esaurire la pasta. I maccarrones de busa sono pronti per essere cucinati. 

 

Curiosità: I maccarrones de busa si possono far essiccare e si mantengono anche qualche settimana se conservati in luogo fresco e asciutto  

Chef Quinto Bassu, custode della cucina tradizionale

ripieno

Quando il sole è alto, non è difficile notare, sotto gli alberi piegati dal maestrale, le pecore che riposano dopo una giornata passata a vagabondare nei prati, brucando ogni filo d'erba. Fanno un po' paura. Direte che assurdità, una pecora che fa paura... ma se le vedete  in azione, sono cap

...

Manifesti d'Epoca

La pecora, centro del mondo rurale

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo