slide12.jpg

Carruba, Garrofa, Silibba, Silimba, Thilibba, Thilimba

carrubo

Il carrubo è un arbusto sempreverde con chioma tondeggiante e espansa. In Sardegna è conosciuto come Silibba e s

...

Casalinghe disperate... mai♥

Frati fritti ogliastrini

frati fritti

Il carnevale è arrivato. Si sente nell'aria insieme all'allegria dei bambini che giocano per strada, mascherati con abiti colorati e sgargianti. I coriandoli e le stelle filanti rendono l'atmosfera ancora più festaiola.
Ma la festa più bella è nelle calde cucine dei paesi dove il tintinnio degli attrezzi si fa sottile e fugace. Se tendi bene l'orecchio è una musica che sale e che scende. Le forchette sbattono sulla ceramica, l'olio sfrigola sul fornello, lo zucchero scricchiola sulla carta pane. Il rito dei dolci carnevaleschi è iniziato. Si friggono le zippole, i Frati Fritti, le Meraviglie, i Ravioli di mandorle dolci e... altri ancora. Nessuno sa resistere alla frittura di carnevale. Torniamo tutti bambini, golosi e voraci, con lo zucchero intorno alla bocca e le mani impiastricciate. Ma che importa, quel che conta, è essere felici.

Sara, la nostra Casalinga disperata... mai ♥ sa come fare felici le persone.  Ha indossato il grembiule di cuoca di casa e ha preparato i dolci tradizionali di carnevale, i Frati fritti ogliastrini, in un modo facile facile. Ha utilizzato i robot e gli attrezzi che aveva a disposizione per velocizzare la ricetta, lasciando gli utensili di una volta in un angolo della cucina, con la promessa di non dimenticarli lì!  InsulaGolosaRicette ringrazia  

 

FRATI FRITTI OGLIASTRINI
Para frittos 

Ingredienti 
600 g di sfarinato (450 g di farina Senatore Cappelli e 150 g di farina di forza)
2 uova intere freschissime
40 g di strutto
40 g di zucchero semolato
1 limone (scorza e succo)
1 arancia (scorza e succo)
150 ml di latte tiepido
1 panetto di lievito di birra da 40 g
un bicchierino di acqua vite
olio extravergine di oliva per friggere
altro zucchero semolato per guarnire

Preparazione 
Grattugiate la scorza dell'arancia e del limone, quindi spremete gli agrumi; aggiungete lo zucchero e le uova e iniziate ad impastare aggiungendo poi il latte tiepido: la temperatura deve essere intorno a 37°/ 40°C  in modo che il lievito a birra si sciolga e venga assorbito completamente.
 
fasi lavorazione
 
Continuate ad impastare avendo cura che tutto sia ben amalgamato. Aggiungete poi lo strutto, la farina e il bicchierino di acquavite. A questo punto l'impasto si presenta liscio e compatto, formate quindi una palla e copritela con un telo bianco e lasciate lievitare a temperatura ambiente per almeno 3/4 ore. Dopo preparate le forme stendendo la pasta e ritagliando gli anelli come nella foto (vedi incisione forme). Adagiatele su un vassoio e copritele con pellicola trasparente; se volete, metteteci sopra una coperta di lana, per tenerle a temperatura. Lasciate lievitate, poi prendete un tegame con i bordi alti e mettetelo sul fuoco con l'olio evo. Appena l'olio raggiunge la temperatura ottimale iniziate a friggere.
Considerate che le ciambelle non devono toccare il fondo e non devono immergersi completamente ma devono galleggiare, in modo che friggano, prima da un lato e poi dall'altro, e si ottenga il famoso filo bianco che ricorda il cordone del saio dei frati e che dà il nome di Frati fritti in sardo para frittos, appunto.
Disponete i Frati fritti su carta assorbente e poi velocemente, con l'aiuto di una forchetta, passateli nello zucchero semolato in entrambi i lati. I Frati fritti sono pronti per essere gustati. 
Buon appetito ♥

 

Curiosità: Ogni famiglia custodisce la sua ricetta dei Fratti fritti. Ogni paese ha la sua variante. Ogni giorno c'è una ricetta da provare ♥

Chef Quinto Bassu, custode della cucina tradizionale

agnello al limoneLe greggi si spostano silenziose nei campi autunnali dipinti di verde e di rosso. Solo il tintinnio dei campanacci e l'abbaiare dei cani pastore, rompono il lungo silenzio. Tutto è calmo, nel cuore del pastore qualcosa si agita. Sa che è tempo di cambiamenti e che l'inverno sta arrivando. Lunghe g

...

Pecora, centro del mondo rurale

Manifesti d'Epoca

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo