slide11.jpg

Carrubo

Carruba, Garrofa, Silibba, Silimba, Thilibba, Thilimba

carrubo

Il carrubo è un arbusto sempreverde con chioma tondeggiante e espansa. In Sardegna è conosciuto come Silibba e si trova soprattutto nelle zone orientali e meridionali. Non supera mai l'altezza di 10 metri. La sua crescita è lenta ma può vivere fino a 500 anni. Vive nei territori più caldi della macchia mediterranea accompagnandosi a olivastro, palma nana, filirea maggiore, lentisco, mirto e altre specie arbustive ed erbacee.
Il carrubo produce dei baccelli simili a quelli delle fave, nei cui interno troviamo i semi di carruba che, una volta essiccati, vengono macinati per la produzione della farina di carruba, dal sapore di cioccolato,  con cui si confezionano prodotti da forno e  biscotteria. Ma anche liquori e sciroppi.
I semi hanno la forma di lenticchie, detti carati, grazie al loro peso costante erano usati in passato per pesare oro e pietre preziose; da qui la denominazione "carati".
Nelle aree con una certa densità di piante, il carrubo è una pianta mellifera e bottinata dalle api e se ne può ricavare un miele uniflorale, dal profumo che ricorda il frutto e dal sapore inebriante. Il miele di carrubo è di difficile produzione, essendo un miele invernale.
Nonostante le sue ottime qualità, il carrubo fa parte dei frutti dimenticati, da riscoprire e coltivare. Si pensi che oggi il 72% dei carrubi italiani si trova in provincia di Ragusa, con una produzione in crescita anche grazie a un fiorente export sui mercati di tutto il mondo.
Perché non replicare questo trend anche in Sardegna?

Dolci di Carnevale

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo