slide12.jpg

Gnocchi di zucca

gnocchi zucca

Nel mondo contadino, la zucca era considerata il maiale degli ortaggi. Nulla veniva sprecato, si consumava tutto: la buccia, la polpa, i semi, i fiori e le foglie fresche. Ogni varietà aveva la sua peculiarità: quella a fiasco veniva svuotata e fatta essiccare, diventando un contenitore per mille usi: una sorta di borraccia per il vino, uno strumento musicale, un oggetto scaccia-spiriti. Artigiani esperti, ancora oggi, decorano le zucche con motivi antropomorfi e fantastici. 
Degna di nota anche la zucca gialla. Un antico proverbio ci spiega tutta la sua bontà: "La zucca gialla non canta, non suona e non balla, ma per chi sa cucinarla canta, suona e balla!".
Usanza vuole che, dopo la raccolta di inizio autunno, la zucca gialla venga lasciata ad asciugare, per almeno 3 settimane, in un ambiente ventilato, al riparo dalle piogge e dall'umidità della notte. Così facendo si conserverà bene fino all'inverno inoltrato esaltandone il sapore e la consistenza della sua polpa.

Sara, la nostra Casalinga disperata... mai ♥ ha indossato il grembiule di cuoca di casa e ha preparato per noi gli Gnocchi di zucca, così come faceva sua suocera, originaria di Ilbono, in Ogliastra. Ci racconta che nella dispensa dei suoi suoceri non mancava mai la zucca gialla.
A volte in inverno, le patate scarseggiavano e venivano conservate gelosamente per preparare su pistokku e su modditzosu, alimento base per eccellenza, così la zucca andava incontro alle esigenze della famiglia e diventava l'ingrediente, alternativo alle patate, in tante altre ricette.
Che dire, c'è sempre qualcosa da imparare e 
InsulaGolosaRicette ringrazia!

 

GNOCCHI DI ZUCCA

fasi preparazione

 

Ingredienti per gli gnocchi
500 g di zucca gialla
300 g di semola
200 g di farina
2 uova freschissime
sale qb
olio qb

 

Preparazione
Pulite la zucca eliminando tutta la parte interna, tagliatela a fette (1) e mettetela in forno per 15 minuti, giusto il tempo per ammorbidirla. Poi schiacciatela bene con una forchetta o uno schiacciapatate (2); aggiungete il sale e l'olio. In un piano versate la farina e la semola (3), unite e amalgamate con l'impasto di zucca (4) e le uova (5) fino a formate un panetto liscio e compatto (6). Formate un serpentello e dividetelo in tocchetti di circa 2 cm (7), poi con una forchetta disegnate delle righe, s'occiri, così come lo facevano le nostre nonne.
Disponeteli in un cesto di paglia (9). Nel frattempo mettete l'acqua a bollire e appena arriva a temperatura, buttateci dentro gli gnocchi. Appena salgono a galla, pescateli e conditeli con sugo di pomodoro e formaggio pecorino.
Buon appetito ♥

 

Curiosità: Quando eliminate i semi della zucca, non buttateli: tostateli e consumateli come uno snack, ecco la ricetta 

Chef Quinto Bassu, custode della cucina tradizionale

involtini di carneMa chi ha detto che il carattere dei sardi è riservato, a volte chiuso? Niente di più sbagliato. La Sardegna è sempre stata crocevia di genti e la grande ospitalità dei sardi ne è una conferma. Chi ha paura del prossimo, non invita alla propria tavola un estraneo.
Nell'isola l'ospite inat

...

Pecora, centro del mondo rurale

Manifesti d'Epoca

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo