slide8.jpg

Pisci a collettu

fave bolliteLa cucina sarda, nonostante l'isola sia circondata dal mare molto pescoso, apprezza molto di più i piatti di terra, poiché i contadini e i pastori non conoscevano le risorse del mare, ma solo quelle della madre terra. I piatti più antichi sono quindi quelli legati all'agricoltura e ai prodotti spontanei della terra: legumi, verdure e aromatiche sono gli ingredienti vincenti.
C'è un piatto della tradizione culinaria cagliaritana che riassume in modo anche divertente questa realtà, ovvero Su pisci a collettu, letteralmente il pesce con il colletto, che non è altro che un piatto di fave secche bollite con aromatiche e profumi. Il suo nome è curioso: pesce (solo nel nome) e a colletto, quale segno di distinzione degli uomini più facoltosi, i preti e i notabili, ma anche il piccolo colletto della fava secca.
InsulaGolosaRicette lo ripropone insieme alla nostalgia delle strette vie del centro storico di Cagliari, quando le massaie si affacciavano ai balconi di ferro battuto e con grida colorite richiamavano a tavola, i bambini che giocavano e gli uomini che lavoravano nelle botteghe per strada.

Leggi tutto...

Minestra di cipolle di Banari

cipolle biancheQuando ero piccola ero solita fare i capricci a tavola e, mio padre tra il giocoso e il serioso minacciava me e mie sorelle con un vecchio detto che recita così "O mangi questa minestra o salti questa finestra",  Certamente mio padre mai ci avrebbe fatto saltare dalla finestra, ma noi, piccole ingenue, ci credevamo e mangiavamo, obbedienti, la minestra che fumava calda nel piatto. Nella cucina tipica sarda, le minestre hanno avuto sempre un ruolo importante per l'alimentazione base, perché realizzate con ingredienti facili da reperire in ogni periodo dell'anno.
Tra le tante InsulaGolosaRicette ha trovato una ricetta con un ingrediente quasi dimenticato; la cipolla di Banari, una varietà di cipolla che viene coltivata nel paese di Banari in provincia di Sassari. I suoi bulbi sono grossi e piatti, rivestiti da tuniche esterne di colore paglierino e con l'interno bianco avorio. Possono pesare da 400 grammi a oltre 1 kg e hanno un sapore dolce e saporito. 

Leggi tutto...

Brodo di carne di pecora

brodo

Distese di alberi di leccio e sughera. Boschi di roverella e castagno. Cespugli di corbezzolo, lentisco, ginepro, olivastro, cisto, mirto, insieme alla fillirea, erica, ginestra, rosmarino, viburno, euforbia che si mischiano tra loro in un'alternanza di colori e profumi che chiamiamo “macchia mediterranea”. In questo mistero colorato vivono le pecore sarde, che testarde come i loro pastori, brucano dalla mattina alla sera. E se è vero che un detto dice che "la gallina fa buon brodo", è anche vero che che il brodo di pecora è ancora più buono perché la pecora sarda ha la fortuna di godere della macchia mediterranea che dà alla loro carne un sapore particolare. 
Tra i cibi perduti InsulaGolosaRicette ha trovato un piatto che ci fa godere del piacere dell'attesa e della contemplazione del cibo, Bròdu de brebeis, il brodo di carne di pecora, un ottimo primo piatto che si adatta a tante preparazioni.

 

Leggi tutto...

Pani frattau

pani frattauNella bisaccia del pastore, sa Bèrtula, confezionata con l'orbace e ricamata a mano, non mancavano mai il formaggio e il pane carasau, il tipico pane di biscottato che si mantiene "buono" per tantissimi giorni. Il pane, essendo l'alimento base di tutte le comunità, viene utilizzato anche in Sardegna nei modi più diversi per piatti inaspettati: gusto e originalità si uniscono in un piatto che gli antichi hanno tramandato per secoli, su pani frattau, a base di pane, formaggio e sugo di pomodoro e con l'aggiunta dell'uovo in camicia, una variante della versione originaleInsulaGolosaRicette vi spiega come realizzarlo.  

 

Leggi tutto...

Zuppa di finocchietto selvatico

finocchio zuppaDurante tutto l'autunno fino a primavera inoltrata, i campi bagnati dalla pioggia leggera si profumano di finocchietto selvatico. Il verde smeraldo  dei suoi ciuffi è facilmente riconoscibile tra le tante erbe spontanee e il suo gusto frizzate e gustoso lo contraddistingue senza possibilità di errore.
Molto conosciuto fin da tempi remoti, il finocchietto selvatico è un ottimo ingrediente per preparare diversi piatti della tradizione.
E proprio come vuole la tradizione, InsulaGolosaRicette vi invita ad apparecchiare la tavola con il finocchio selvatico e altri  ingredienti semplici reperibili in campagna come il formaggio pecorino fresco e il pane casereccio. Dopodiché non serve altro che invitare tanti commensali, accendere un po' di allegria e preparare un primo piatto gustoso, la Zuppa di finocchietto selvatico,
 da servire con un buon vino rosso.

Leggi tutto...

Minestra di formaggio salato

formaggio

Un popolo di pastori e contadini non può non amare le pietanze in brodo: le più importanti in qualsiasi tipo di cucina. Gli ingredienti sono, in primis, le verdure e le erbe regalate dalla terra e dalla stagione, spesso selvatiche, capaci di esaltare i sapori degli altri ingredienti.
Anticamente le minestre si consumavano insieme al pane raffermo perché la pasta non era tanto utilizzata o quantomeno veniva relegata tra le pietanze delle feste.
Nel quotidiano invece le minestre erano molto comuni, ma non sempre le verdure erano gli ingredienti principali. Anche il formaggio era un protagonista, così InsulaGolosaRicette vuole proporre la Minestra antica a base di viscidu, un formaggio secco salato dal gusto acido, per ricordare e ripetere le abitudini gastronomiche dei pastori dell'entroterra.

Leggi tutto...

Pasta alla ricotta cremosa

pasta ricottaNell'Odissea si racconta di un ciclope-pastore che viveva in una grotta dove lavorava e essiccava una ricotta degna di un dio, con cui attirò, e poi fece prigioniero, Ulisse con i suoi compagni. Per alcuni la dimora di Polifemo era l'isola di Sant'Antioco, dove ancora oggi può ammirare una roccia a pelo d'acqua, che ricorda l'impronta del ciclope.
Non credo che i pastori sardi avessero avuto contatti col ciclope, ma sicuramente anche i nostri pastori sanno fare una ricotta degna di un poema. 
Se poi, ne fai un ingrediente base, per un piatto semplice, la sua bontà è assicurata. Eccone una ricetta
: la Pasta alla ricotta cremosa.

Leggi tutto...

Minestra di ceci

ceci_minestra.jpg

Inverno. Fuori fa freddo e c'è tanta voglia di casa e di cose buone. Allora mettiamo il grembiule e via con un piatto ad alto valore nutritivo, molto delizioso, oltreché facile da realizzare, la Minestra di ceci con le bietole selvatiche. Occorre avere solo un po' di tempo ...  perché i ceci vanno messi in ammollo per tutta una notte affinché diventino morbidi e digeribili. Serviamo la minestra ancora calda con il pane civraxiu e un buon vino rosato locale e il gioco è fatto. 

Leggi tutto...

Pasta con asparagi selvatici

pasta_asparagiL'asparago selvatico (in sardo sparau, arbanau, brondau)  è  una pianta della macchia mediterranea reperibile in tutta l'isola. I suoi germogli vengono raccolti a primavera nelle campagne e nei luoghi incolti per farne ottimi risotti e frittate. Da alcuni anni anche le nuove generazioni hanno riscoperto il gusto di passeggiare in campagna e la raccolta degli asparagi selvatici è diventata vera gara tra gli amici, per la conquista del mazzo più grande.
InsulaGolosaRicette suggerisce la Pasta con gli asparagi selvatici, che si può preparare con tutti i tipi di pasta, lunga o corta. 

Leggi tutto...

Pasta pomodori camone e basilico

Pomodori CamoneIl Camone sardo dal gusto acidulo e zucchero è ottimo se utilizzato al naturale in insalata o nei piatti di pasta fredda, condito con un filo di olio extravergine di oliva che ne esalta le caratteristiche organolettiche.

InsulaGolosaRicette vi invita a preparare la Pasta fredda di pomodori camone e basilico, ma se non riuscite a trovare il camone potete utilizzare altri tipi di pomodoro come quello perino.

Leggi tutto...

Sa Suppa Cuata

 stazzo

Sa suppa cuata, la zuppa nascosta, è il piatto più conosciuto della gastronomia gallurese ed è il primo per eccellenza nei pranzi nuziali; nasce nella Gallura di fine ‘700 ancora spopolata, selvaggia e dedita al solo allevamento di capi vaccini: le prime greggi di pecore appariranno un secolo dopo. I suoi ingredienti, il brodo e il formaggio, sono prodotti della pastorizia bovina. La particolarità antropologica di questa pietanza, è che si è trasformata nel tempo da piatto povero a piatto ricercato, degno di eventi sociali, e non è rimasto relegato alla quotidianità casalinga. Diverse leggende e racconti ruotano intorno al suo nome. Alcuni sostengono che si chiama zuppa nascosta, perché al suo interno nascondeva prelibati pezzi di carne; secondo altri perché le massaie la nascondevano sotto i cannovacci di cotone a "riposare" in modo che tutti gli ingredienti si amalgamassero a puntino.

Leggi tutto...

Chef Quinto Bassu, custode della cucina tradizionale

In Sardegna ogni paese è un'isola nel senso che ogni comunità rivendica con orgoglio le proprie tradizioni, e in gastronomia, i propri piatti. Si pensi che lo stesso piatto viene chiamato in modi diversi e con un dialetto completamente dissimile, a seconda delle zone geografiche o dei paesi che a v

...

Manifesti d'Epoca

Carciofi olio

Il carciofo è un ortaggio originario del bacino del Mediterraneo. Ne abbiamo testimonianze nella civiltà egizia e greca. Fu coltivato anche nel periodo romano per le sue proprietà gastronomiche e salutistiche. L'odierno nome del carciofo deriva forse dalla parola araba Harsciof o Al-Kharsuf che significa spina di terra e pianta che pun

...

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo