slide6.jpg

Sambucu, Sauccu, Scovedu

Frutti di sambuco

Il sambuco, sambucus nigra, è una piccola pianta molto diffusa in tutta Europa e nel Mediterraneo, soprattutto nella macchia e in

...

Carnevale, ogni dolce vale

Casalinghe disperate... mai♥

Brasato di cinghiale

Brasato di cinghiale

Sta arrivando la bella stagione e le gite fuori porta, con pranzo in un agriturismo, sono appuntate nel nostro taccuino digitale con tre stelle.
Solo a pensarci mi sale il buon umore, dopo un inverno un po' troppo lungo e mi sembra di sentire i profumi tanto da sollecitare l'acquolina in bocca: Malloreddus al sugo di lepreCinghiale alla cacciatora, Coniglio selvatico al forno...
 per non parlare dei contorni e dei dolci.
Ce n’è per tutti i gusti, ma ovviamente si preferiscono piatti particolari, difficili da replicare a casa.
Molti si chiedono, infatti: "come si cucina la selvaggina a casa?" La risposta non è semplice. Come mai?
 

Facciamo, subito, un passo indietro. Importante è accertarsi che le carni abbiano passato tutte le strettissime regole di igiene e di trasformazione. Poi, iniziamo a capire che tipo di selvaggina dobbiamo trattare. Se di taglia piccola o grande. 
Se abbiamo un petto e addome preferiamo preparazioni in umido; mentre per le cotolette e le costine, griglie e padelle ci aiutano a preparare ottimi piatti. Per la coscia o la sella, va benissimo la cottura al forno, arrosto o allo spiedo.

Ancora una volta ci viene in aiuto Sarala nostra Casalinga disperata... mai ♥ che ha indossato il suo grembiule di cuoca di casa e ha preparato il Brasato di cinghiale, un piatto antico come i Nuraghi o le Domus de s'orcu, luoghi di fascino e mistero.

InsulaGolosaRicette ringrazia

 

Brasato di cinghiale fasi

BRASATO DI CINGHIALE
Sirboni cun binu

 

Ingredienti
1,800 g cinghiale o maiale
un mazzetto di sedano
3 carote
2 pomodori secchi
2 cucchiai di concentrato di pomodoro
150 g di olive denocciolate
un bicchiere di vino bianco
un cucchiaino di dado vegetale con 250 ml di acqua
sale qb

 

Preparazione:

Tagliate la carne a piccoli pezzi. Mondate le verdure e tagliatele più o meno della stessa dimensione.
In un recipiente mettete un filo d'olio e fate cucinare le verdure a fuoco lento; aggiungete poi il cinghiale e fate rosolare bene. Sfumate ora con il vino bianco e aggiungete l'acqua del dado vegetale, il concentrato di pomodoro e le olive. Coprite così da impedire che un'eccessiva evaporazione disperda i succhi interni. Lasciate cuocere per circa 2 ore e mezza, se necessario anche 3 ore. Salate e servite ancora caldo.
 
 
Un consiglio: La carne di cinghiale può essere sostituita da quella di maiale. Servite il brasato accompagnandolo con un vino rosso come il Cannonau  

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo