slide12.jpg

Dedico questa pagina ai Boschi della Sardegna, da me tanto amati, proponendo un passo dello scrittore Mauro Corona. Nel suo

...

Carnevale, ogni dolce vale

Casalinghe disperate... mai♥

Pane degli Sposi

pane degli sposiTra i pizzi e i drappeggi della tavola degli sposi non può mancare il cosiddetto Coros, il pane degli sposi.
Usanza secolare, ritornata di gran moda anche tra le nuove generazioni vuole che si regali ai parenti e amici la corona di pane decorata con fiori, frutti e uccelli quale buonaugurio per l'unione felice della nuova coppia.
La leggenda racconta che le antiche fate abitanti delle grotte, le Janas, attraessero a loro una giovane fanciulla del paese per insegnarle l´arte di fare il pane rituale. Il primo impasto veniva realizzato nell’intimità della caverna, con purissima acqua di sorgente e farina di grano ell’ultimo raccolto. La lavorazione del pane iniziava a mezzanotte e finiva alla sera con il rintocco delle campane che chiamavano alle preghiera dell'Ave Maria. Le Janas, infine, le affidavano “sa madriga” la matrice, il fermento originario, da tramandare di famiglia in famiglia, con lo scopo di rendere nota a tutti l’origine del pane votivo.


pane degli sposi


Sono quindi le donne, protagoniste di questo rituale che trova origine nella storia della famiglia contadina dove la trasformazione da grano a pane era custodito gelosamente e spettava esclusivamente alla figura femminile, esponente tra l'altro della grazia e della manualità.

Le donne artigiane del pane, iniziano il lavoro, con tutto il suo carico religioso e atavico, tracciando una croce sull’impasto e recitando parole di scongiuro e augurio. Inizia così la trasformazione dell’impasto informe in corone, cuori, archi, ghirlande, pezzi decorati finemente con fiori, foglie, frutti, uccelli.

La corona è uno dei pezzi più classici del pane degli sposi. Decorata con fiori frutti ed uccelli è ben augurante per l’unione della nuova coppia.

melanzane sugo

Per superare la fatidica estate sarda, ci vuole un fisico bestiale. Le nostre nonne, mamme e noi medesimi non ci facciamo mancare niente. Sveglia la mattina, non troppo presto. Doccia veloce, asciugamano nella borsa e tanta tanta roba da mangiare nella borsa frigo. Il vero sardo doc, preferisce approvvigionarsi direttamente

...

Pecora sarda, centro del mondo rurale

Manifesti d'Epoca

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo