slide8.jpg

Kastangia burda, Castànza de India

Ippocastano

Nei giardini, nei parchi, nei viali, nelle case cantoniere e nei giardini di scuole o di edifici pubblici si può

...

Carnevale, ogni dolce vale

Casalinghe disperate... mai♥

Peperoncini ripieni e Crema piccante

Peperoncini ripieni

Se vai in una delle tante botteghe di frutta e verdura in Sardegna e chiedi un  ciliegia, ti propongono il peperoncino tondo piccante conosciuto dai più come tondo calabrese. E' vero che il peperoncino è un prodotto tipico calabrese, ma da qualche decennio anche l'isola vanta una produzione di altissima qualità da punto di vista gastronomico e salutare.
La zona con una spiccata vocazione verso questo prodotto è Turri, in Marmilla, dove il peperoncino si coltiva in ottime condizioni ambientali, grazie al clima temperato e asciutto. In questo 
paesaggio, prevalentemente collinoso, la coltivazione dei peperoni si alterna a quella dello zafferano, dell'origano, delle fave e dei cereali, oltre agli olivi, creando distese di colori come onde del mare. Così come dice la stessa radice etimologica, la Marmilla "mille mari": una bellissima immagine da portare anche in tavola.
Il peperoncino sardo è generalmente consumato crudo, sott’olio, essiccato o lavorato in creme piccanti. 

InsulaGolosaRicette vi propone un piatto a base di peperoncino tondo, confezionato con prodotti esclusivamente sardi: peperoncini tondi ciliegia, olive, capperi, acciughe e tonno.

Sara, la nostra Casalinga disperata... mai ♥ ha indossato il grembiule di cuoca di casa e ha preparato per noi i Peperoncini ripieni e Crema piccante, due varianti da preparare contemporaneamente ♥ perché sono così stimolanti che assaggiarne uno non  soddisfa mai ♥

 

PEPERONCINI RIPIENI e CREMA PICCANTE

 

peperoncini ripieni fasi

150 g tonno in scatola
20 g di acciughe
50 g olive verdi
50 g capperi
acqua
aceto
olio extravergine di oliva qb

 

Scegliete i peperoncini più turgidi (1),  lavateli con cura (2), eliminate il picciolo partendo dalla base (3) e con un po' di pazienza togliete i semi (4) fino ad ottenere una sorta di cestino (5). Immergeteli in acqua e aceto (6) e portate ad ebollizione per alcuni minuti. 
Denocciolate le olive e dividetele in due parti (7). Dividete pure gli altri ingredienti per ottenere due prodotti diversi.
Poi procedete così: prendete un peperoncino e adagiatevi un'acciuga e infine l'oliva denocciolata con all'interno un cappero. Continuate fino ad esaurire gli ingredienti (8). Invasate in vasetti sterilizzati. Coprire con olio extravergine d'oliva, evitando di creare bolle d'aria  (11).
Gli ingredienti rimasti frullateli (9) e riempite i peperoncini avanzati (10). Versate il composto ancora bollente nei vasetti che vanno ben riempiti, fino ad un centimetro dal bordo. Sigillate e girateli tenendoli capovolti fino al raffreddamento (12).
Lasciare riposare i peperoncini ripieni e la crema piccate per una settimana prima dell’uso e conservateli fino a un massimo di 6 mesi.

 

Un consiglio: I peperoncini ripieni e la crema piccante si accompagnano perfettamente ad un vino dolce come il Monica di Cagliari 

agnello-carciofi

La Sardegna è una terra misteriosa. Il suo paesaggio è una distesa di prati e di foreste, dove anticamente gli unici viandanti erano i pastori. Portavano le greggi dai monti del Gennargentu, molto fredde in inverno, fino ai pascoli  pianeggianti del Campidano e del Sulcis Iglesiente, molto più miti e fer

...

Pecora sarda, centro del mondo rurale

Manifesti d'Epoca

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo