slide11.jpg

Archimissa, Ispigula areste, Spigu

LavandaIn primavera, nella macchia mediterranea più selvaggia, tra il cisto e il lentisco, spuntano i fiori viola- bluastri d

...

Carnevale, ogni dolce vale

Casalinghe disperate... mai♥

Miele di castagno

miele castagnoIl miele è un prodotto vivo, come il vino e l'olio, ed è strettamente legato al territorio tanto che ogni miele ha la sua carta di identità dei luoghi dove le api hanno fatto il loro lavoro capillare di prelievo e porta con sè tutte le proprietà del fiore da cui deriva.
In Sardegna la varietà di paesaggi, l'alternarsi di zone montuose e collinose con la macchia mediterranea permette la produzione di mieli molto particolari e anche rari. Tra questi il miele di castagno, prodotto dai fiori di castagno, una pianta arborea, dalla chioma espansa e rotondeggiante ed di altezza variabile, che va dai 10 ai 30 metri. I castagni sono molto longevi, a volte plurimillenari.
Nell'isola vantiamo un esemplare straordinario con un'altezza di 15 metri e una circonferenza di 8,5 metri, a circa 800 metri, in un luogo incantato, precisamente a Tonara, nella regione del Mandrolisai, già terra del torrone, prodotto appunto con il miele.
Il miele di castagno si ottiene dai fiori di castagno e viene raccolto da giugno fino a ottobre. I fiori sono unisessuali, presenti sulla stessa pianta. Ogni fiore è di colore biancastro. I fiori femminili sono isolati o riuniti in gruppi di 2-3. Ogni gruppo è avvolto da un involucro detto cupola. I fiori maschili del castagno sono bottinati dalle api, perciò questa pianta è considerata mellifera. 
Noto per le sue proprietà anti-infiammatorie e anti-batteriche, è una fonte di proteine, vitamine B e C e di sali minerali. Resiste alla cristallizzazione per lungo tempo, perché particolarmente ricco di fruttosio e polline. Il miele di castagno ha una colorazione che va dall'ambra al bruno scuro, ha retrogusto amaro, e sapore aromatico e legnoso, tanto che può essere apprezzato su piatti di carne salati e formaggi stagionati. Si presta per le glassature, dolci o salate, nella preparazione di torte e biscotti ma non sostituisce lo zucchero in thè o tisane.

 

PatateNella cucina tradizionale le patate e le erbe aromatiche sono considerate ingredienti primari per tutte le pietanze locali. Le patate vengono coltivate negli orti come si faceva nel secolo scorso prediligendo quelle bianche e gialle perché più facili da curare. Le erbe aromatiche invece si trovano facilmente in natura anche se ul

...

Pecora sarda, centro del mondo rurale

Manifesti d'Epoca

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo