slide12.jpg

Olostru, agrivoddu

Agrifoglio

L'agrifoglio, simbolo dell'inverno e del Natale, è stata considerata una pianta portafortuna ancor prima del Cristianesimo. Si credeva proteggesse

...

Carnevale, ogni dolce vale

Casalinghe disperate... mai♥

Verde Meraviglia

Esiste una Sardegna poco conosciuta, intrisa di un verde meraviglioso e nascosta alla maggior parte dei visitatori, quella della natura, dei boschi e delle foreste.
La superficie verde copre più della metà dell’isola e celebrando le grandi foreste del nord-est, ideali per lunghe passeggiate e per il trekking, ecco quella del Monte Pisanu (1994 ettari): in provincia di Sassari, protetta dal 1886, la presenza di tassi millenari che nel 1994 sono stati dichiarati Monumento Naturale la rende ancor più particolare.
Vicino Sassari si trova la foresta di Monte Lerno (2853 ettari), la cui vegetazione è caratterizzata da boschi di leccio, da fillirea, cisto, erica e corbezzolo, sovrastati da imponenti sugherete di rara bellezza. Nel territorio di Orgosolo, in provincia di Nuoro, si estende per 4586 ettari la foresta di Montes, caratterizzata da una rigogliosa lecceta d’alto fusto plurisecolare (in tutto il Mediterraneo non se ne trovano esempi simili, né per estensione, né per caratteristiche).
Paradisiaco è anche lo scenario della Costa Verde, così chiamata per via della ricchissima vegetazione di lentischio, ginestra, corbezzolo e ginepro che scende dalle montagne fino al mare fra valli e dune di sabbia. Si estende sul versante occidentale dell’isola per circa 47 chilometri, in un susseguirsi di splendide spiagge, interrotte da cale rocciose, scure ed imponenti scogliere che scendono a picco sul mare e deserti di sabbia intercalati dalla profumata macchia mediterranea. Sardegna, non solo mare. Ma... non dimentichiamo i colori della costa Smeralda, più verde dello smeraldo puro, incastonata nella macchia mediterranea tra campi da golf e laghetti splendenti, tra lembi di costa tra i più romantici esistenti al mondo e mitiche ville nascoste da ulivi e palme esotiche.

Le oasi

La Riserva di Monte Arcosu è l’area protetta del WWF più estesa in Italia, con 3600 ettari di superficie. La sua finalità prioritaria è la salvaguardia del Cervo sardo e del suo habitat naturale, nonché di altri esemplari di fauna e flora. Anche il daino è stato in passato largamente diffuso. Attualmente è una specie rara in ambito regionale ma è presente nella Foresta demaniale di Porto Conte e nella foresta di Assai, presso Neoneli. Per non far prevalere una specie sull’altra, daini e cervi vivono in aree recintate. Ricordiamo anche il Parco Nazionale dell’arcipelago della Maddalena e quello di Villasimius, costituiti per la salvaguardia delle specie marine, come il delfino e la tartaruga marina. Infine il Parco nazionale dell’Asinara, situato nell’isola “dei detenuti”, ora regno dell’asinello bianco.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo